16 Giugno 2024

Un uomo di 29 anni muore dopo un malore. Lascia moglie e un bimbo di 6 anni

Correlati

Un giovane di 29 anni, Fabio Pietribiasi, è morto nei giorni scorsi in seguito ad un malore improvviso nella sua abitazione sita in Via Volpare, a Malo, centro in provincia di Vicenza.

Probabilmente l’uomo è stato stroncato da un infarto fulminante. Subito dopo essersi sentito male, sono stati allertati i soccorsi. I sanitari del 118 giunti sul posto hanno tentato di rianimarlo, ma purtroppo, per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Fabio Pietribiasi, riporta il Giornale di Vicenza, era sposato e padre di un bambino di 6 anni. Una notizia arrivata come un fulmine a ciel sereno non solo per la località Pisa, dove il giovane papà viveva con la famiglia, ma anche per tutto il paese, dove Pietribiasi era conosciuto e stimato. La vittima, che lavorava nell’azienda agricola contoterzista di famiglia, lascia nel dolore la moglie Rebecca e il figlioletto, il padre Mariano, la mamma Dorena, il fratello, la sorella e tutti i familiari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Motonave rischia di affondare, in salvo le 85 persone a bordo

Una nave in servizio da Grado a Trieste ha lanciato un 'may day' per rischio affondamento mentre era in...

DALLA CALABRIA

Uccise ladro sorpreso in casa, il Riesame conferma custodia in carcere

Il Tribunale del Riesame di Reggio Calabria ha ritenuto sussistenti le esigenze cautelari e ha confermato l’arresto in carcere...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)