8 Dicembre 2021

Mons. Viganò: “Tutti asserviti al ‘club’ dei satanisti, anche i vertici della Chiesa”

L'ex Nunzio apostolico Usa spiega come la "falsa pandemia" sia stata pianificata nei minimi dettagli da "un'alleanza globale con Rothschild, fondazione Rockefeller, Soros, Gates e grandi banche. Bergoglio è 'complice' per instaurare il Nuovo Ordine Mondiale tramite il Great Reset. Non c'è da stupirsi per l'appoggio della Santa Sede ai vaccini"

Stessa categoria

Pubblichiamo la terza parte testuale del lungo video pubblicato da monsignor Carlo Maria Viganò, già Nunzio apostolico negli Stati Uniti, che spiega il “governo occulto” che ha ordito la “falsa pandemia” per instaurare la “Dittatura universale del Nuovo Ordine Mondiale, i cui congiurati dominano le nazioni e si sono infiltrati anche nella Chiesa Cattolica con l’obiettivo di cancellare Cristo e la ultramillenaria Civiltà Cristiana”.

di Monsignor Carlo Maria Viganò

Dinanzi ad un piano criminale, sarebbe quantomeno logico denunciarlo e farlo conoscere per poi poterlo scongiurare e processarne i colpevoli. La lista dei traditori dovrebbe iniziare dai capi di governo, dai ministri e dai parlamentari per poi proseguire con i virologi e i medici corrotti, con i funzionari complici, con i vertici delle Forze armate incapaci di opporsi alla violazione della Costituzione, con i giornalisti venduti, con i magistrati codardi e con i sindacati cortigiani.

In quella lunga lista che un giorno forse sarà stilata andrebbero elencati anche i vertici della Chiesa cattolica, a cominciare da Bergoglio e non pochi vescovi resisi zelanti esecutori della volontà del principe contro il mandato ricevuto da Cristo. Certo, in quell’elenco si avrebbe contezza dell’estensione della Congiura e del numero dei congiurati, a conferma della crisi dell’autorità e della perversione del potere civile e religioso.

Si comprenderebbe, insomma, che la parte corrotta dell’autorità civile (il Deepstate) e dell’autorità ecclesiastica (la Deepchurch), sono due facce della stessa medaglia, entrambe strumentali all’instaurazione di un Nuovo ordine mondiale. Per comprendere però quest’alleanza tra potere civile e potere religioso occorre riconoscere la dimensione spirituale ed escatologica del conflitto presente, inquadrandolo nella guerra che Lucifero, sin dalla sua caduta ha scatenato contro Dio.

Questa guerra i cui esiti sono decisi Ab aeterno con l’inesorabile sconfitta di Satana e dell’antiCristo, e la schiacciante vittoria della Donna circondata di stelle, si avvicina ormai all’epilogo.

Per questo le forze delle tenebre sono così scatenate, così impazienti di cancellare il nome di Nostro Signore dalla Terra; di distruggerne non solo la presenza tangibile nelle nostre città, abbattendo le chiese, demolendo le croci, sopprimendo le feste cristiane, ma anche eliminandone il ricordo, cancellando la Civiltà Cristiana, adulterando l’insegnamento, svilendone il culto. E per far questo, la presenza di una gerarchia fedele e coraggiosa, disposta al martirio per difendere la Fede e la morale cristiana è certamente di intralcio.

Ecco perché sin dalla fase iniziale del piano mondialista era indispensabile corrompere la gerarchia nella morale e nella dottrina, infiltrarla con quinte colonne e cellule dormienti, privarla di qualsiasi anelito soprannaturale, renderla ricattabile grazie a scandali finanziari e sessuali, in vista di escluderla ed eliminarla una volta conseguito il proprio scopo secondo la prassi invalsa.

La fine degli anni ’50, quando il progetto del Nuovo ordine andava prendendo forma segnò questa operazione di infiltrazione ed iniziò la propria opera di eversione pochi anni dopo con il Concilio Ecumenico Vaticano Secondo, in vista del quale, l’elezione di Roncalli e l’estromissione del papabile Siri, delfino di Pacelli, rappresentarono un motivo di entusiasmo tanto per la componente progressista e modernista interna alla chiesa, quanto per la componente comunista, liberale e massonica del mondo civile.

Il Vaticano Secondo rappresentò in seno al corpo ecclesiale ciò che il giuramento della Pallacorda fu per la società civile: l’inizio della rivoluzione. E se in molte occasioni ho voluto evidenziare l’indole eversiva del Concilio, oggi credo che meriti attenzione una analisi storica in cui fatti apparentemente scollegati acquisiscono un significato inquietante e spiegano molte cose.

Liaisons Dangereuses (relazioni pericolose)

Come ha riportato Michael Max, in un video recente sul de Remnants, oggi iniziamo a comporre tutte le tessere del mosaico, e scopriamo per stessa ammissione di uno dei protagonisti, che monsignor Helder Camara, arcivescovo di Recife, in Brasile, ebbe un incontro proprio in quegli anni con il giovane Klaus Schwab, fondatore del World Economic Forum e teorizzatore del Great Reset.

Schwab, avendo conosciuto il prelato per la sua opposizione alla chiesa tradizionale e le sue tesi rivoluzionarie e pauperiste, lo invitò al Forum di Davos considerando la sua partecipazione a questo evento come estremamente importante in vista del progetto del Nuovo ordine.

Sappiamo che Helder Camara fu tra gli organizzatori del Patto delle Catacombe che pochi giorni prima della chiusura del Concilio, il 16 Novembre 1965, venne firmato da una quarantina di vescovi progressisti. Tra le tesi ereticali di quel documento vi è anche la collaborazione all’instaurazione di “Un altro Ordine sociale nuovo”, basato sulla giustizia e sull’uguaglianza. E non ci stupiamo nell’apprendere che tra i firmatari figurava anche monsignor Enrique Angelelli, ausiliare di Cordoba, in Argentina, punto di riferimento per l’allora padre Jorge Mario Bergoglio.

Lo stesso Bergoglio ha dichiarato di condividere le istanze del Patto delle Catacombe, sin dall’inizio del Pontificato. Il 20 Ottobre 2019, in occasione del Sinodo per l’Amazzonia, è stata replicata la celebrazione del Patto tra congiurati alle Catacombe di Santa Domitilla, a conferma che il piano iniziato al Concilio, aveva trovato compimento proprio in Jorge Mario Bergoglio il quale lungi dal prendere le distanze dagli ultra progressisti che lo sostengono e che hanno determinato l’elezione all’ultimo conclave, non perde occasione di dar prova di perfetta coerenza con il piano del Nuovo Ordine Mondiale, ad iniziare dalla collaborazione di enti e dicasteri vaticani, all’ambientalismo di matrice malthusiana ed alla partecipazione al ‘Council for inclusive capitalism’.

Un’alleanza globale con Rothschild, fondazione Rockefeller e grandi banche. Così, da un lato David Rockefeller con la Commissione Trilaterale e dall’altro Klaus Schwab – imparentato con i Rothschild – con il World Economic Forum si ritrovano a braccetto con il capo della Chiesa Cattolica per instaurare il Nuovo Ordine Mondiale tramite il Great Reset, come pianificato sin dagli anni ’50.

Il piano di depopolazione mondiale

In questo pactum sceleris vanno annoverati anche alcuni esponenti della Pontificia Accademia per la Vita, recentemente stravolta nel suo organigramma proprio da Bergoglio che ne ha allontanato i membri più fedeli al magistero sostituendoli con teorizzatori della depopolalizzazione, della contraccezione e dell’aborto. Non c’è da stupirsi per l’appoggio della Santa Sede ai vaccini.

Il ‘Sovereign Independent’ (foto in basso), nel Giugno 2011 riportava in prima pagina: “Depopolazione tramite la vaccinazione forzata. La soluzione a zero emissioni di carbonio”. A lato del titolo una foto di Bill Gates accompagnata da questo commento: “Il mondo conta oggi 6,8 miliardi di persone, questo porterà presto a 9 miliardi. Se facciamo un lavoro ben fatto, con i nuovi vaccini, la cura della salute, i servizi di salute riproduttiva, ossia l’aborto e la contraccezione, siamo in grado di ridurre la popolazione del 10 o 15 percento”.

Lo diceva 11 anni fa Bill Gates, che oggi è tra gli azionisti di BlackRock (il più grande fondo di investimento al mondo, ndr), che finanzia le case farmaceutiche che producono i vaccini. Gates è tra i principali sponsor dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e di una miriade di enti pubblici e privati connessi alla sanità. Al suo fianco, curiosamente, troviamo George Soros, il filantropo di Open Society, che proprio con la Melinda e Bill Gates Foundation ha recentemente investito in una società britannica che produce tamponi per rilevare il Covid.

E visto che stiamo parlando di questioni economiche vorrei ricordare che la Santa Sede ha posseduto quote azionarie per un valore di circa 20 milioni di euro in due industrie farmaceutiche che producevano un farmaco contraccettivo, e più recentemente ha investito in un fondo che garantiva profitti altissimi in caso di crisi geopolitiche o pandemiche grazie a speculazioni sulle valute internazionali: il Georisk Fund, gestito dalla Banca d’affari Merrill Lynch, che dopo i primi mesi di pandemia, con i rendimenti schizzati alle stelle, ha dovuto chiuderlo. Altri capitali provenienti dall’Obolo di San Pietro erano serviti a finanziare svariate iniziative, anche in collaborazione con Lapo Elkann, tra cui il film autobiografico di Elton John, senza evocare le speculazioni immobiliari e l’acquisto del Palazzo di Londra, al numero 60 di Sloane Aveneu (foto in basso), di cui la cronaca ci ha ampiamente informato. E da fonte sicura so essere stato deciso da Bergoglio stesso.

E ancora: sempre in nome della coerenza della chiesa ‘poveri per i poveri’ tanto cara a Bergoglio, vi è chi ritiene che l’accordo con la Cina preparato dai Gesuiti e dall’ex cardinale McCarrick, abbia affrontato cospicui finanziamenti da parte del regime comunista di Pechino, in cambio del silenzio vaticano sulla persecuzione dei cattolici e sulla violazione dei diritti umani, non diversamente avvenuto per il racket dell’immigrazione.

Tra quanti traggono profitto dall’accoglienza, vi sono, oltre alle cooperative di sinistra, gli enti vaticani e delle conferenze episcopali, ai quali gli stati riconoscono cospicui finanziamenti per l’accoglienza dei clandestini.

L’orrido monumento con il barcone di bronzo eretto da Beroglio in Piazza San Pietro è la rappresentazione plastica di una ipocrisia che è il marchio di questo pontificato.

La scultura in bronzo col barcone di migranti inaugurato da papa Bergoglio

In una recente Udienza del Mercoledì abbiamo potuto sentire queste parole: “L’ipocrita è una persona che finge, lusinga e trae in inganno perché vive con una maschera sul volto e non ha il coraggio di confrontarsi con la verità”. E’ particolarmente detestabile l’ipocrisia della Chiesa; purtroppo esiste l’ipocrisia nella Chiesa! Ci sono tanti cristiani e tanti ministri ipocriti. Mi pare che non servano commenti […].

3/Continua

Leggi le parti precedenti

Prima parte

Monsignor Viganò contro la congiura dei ‘sacerdoti’ del Covid e dei vaccini

Seconda parte

Mons. Viganò: “Immane crimine contro l’umanità. Un unico copione sotto un’unica regia”


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER