23 Aprile 2024

La NATO non è un club: chi entra lo decidono gli Usa

Correlati

di Alessandro Orsini

Dopo l’ultima puntata di “Piazza Pulita” condotta da Corrado Formigli, voglio spiegare come avvenga l’ingresso di un Paese nella Nato, perché questo non è stato mai spiegato bene in Italia. Mi guideranno Machiavelli, Mosca, Michels, Pareto e Gramsci, la migliore tradizione del realismo politico italiano. La tesi, ripetuta pappagallescamente da Corriere della Sera, Repubblica, Libero, Foglio, la Stampa e Giornale, è che l’ingresso nella Nato avvenga con una semplice richiesta. Basta fare domanda. Così come il privato cittadino spedisce una raccomandata recandosi alle poste, gli Stati entrano nella Nato bussando alla sua porta con un modulo firmato. È la politica delle “porte aperte” della Nato, celebrata da Stoltenberg. Ma tutto questo è falso.

L’ingresso di un Paese nella Nato avviene secondo un processo in quattro fasi.

Nella prima fase, la Casa Bianca individua un Paese che, una volta assorbito nella Nato, aumenterebbe le quote di potere mondiale degli Stati Uniti ai danni di Russia e Cina.

Nella seconda fase, la Casa Bianca costruisce rapporti strategici con il Paese prescelto attraverso la vendita di armi e le esercitazioni militari. La documentazione storica mostra che Svezia e Finlandia sono diventate membri di fatto della Nato molto prima di diventarne membri ufficiali partecipando alle più importanti esercitazioni militari dell’Alleanza e acquistando armi dagli Stati Uniti. Nell’ottobre-novembre 2018 la Svezia e la Finlandia hanno partecipato a “Trident Juncture”, l’enorme esercitazione della Nato in funzione anti-russa che si svolse in Norvegia, Svezia e Finlandia. “Trident Juncture” è stata un’esercitazione sotto “scenario articolo 5”, l’articolo sulla difesa collettiva, applicato poco dopo all’Ucraina.

Nella terza fase, la Casa Bianca persuade gli altri Paesi Nato a trattare il prescelto come un consociato e a votare per il suo ingresso. Se un membro si oppone, la Casa Bianca ricorre agli allettamenti. Se questi non funzionano, la Casa Bianca passa ai ricatti e alle minacce. È accaduto di recente con Viktor Orbàn. Siccome il premier ungherese si opponeva ai 50 miliardi di euro richiesti da Biden per l’Ucraina, i Paesi europei della Nato hanno detto a Orbàn che avrebbero aggredito la sua economia se non avesse ritirato il veto.

Nella quarta fase, il Paese prescelto entra nella Nato ufficialmente. A questo punto, Corriere della Sera, Repubblica, Libero, Foglio, Stampa e Giornale affermano all’unisono che l’inclusione è stata libera e spontanea. Siccome la Nato accoglie tutti, l’ingresso è avvenuto senza intoppi. In realtà, la Nato non accoglie tutti, altrimenti Israele sarebbe suo membro da anni. La Nato include soltanto i Paesi che la Casa Bianca reputa utili ai suoi progetti espansivi. Nel mio libro Ucraina. Critica della politica internazionale (Paper First, 2022), ho mostrato che l’Ucraina è stata trasformata in un membro di fatto della Nato attraverso una decisione unilaterale degli Stati Uniti, peraltro avversata da Francia e Germania nel meeting della Nato del 2008 a Bucarest. I ministri Tajani e Crosetto affermano che l’ingresso nella Nato dipende dal richiedente, per nascondere la vergogna di essere sottomessi alla Casa bianca.

Il realismo politico invita a guardare ciò che si nasconde dietro la retorica del potere partendo dall’assunto che i governanti ambiscono ad apparire migliori di quel che sono. È incredibile che l’Italia, pur avendo dato un contributo di smisurata importanza al realismo politico, sia diventata un Paese così credulone, facile preda degli inganni retorici dei media dominanti.

Fonte:Telegram

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)