19 Maggio 2024

Cremlino, Putin a Netanyahu: “Russia pronta ad aiutare a calmare la situazione a Gaza”

Correlati

Il presidente russo Vladimir Putin ha espresso la disponibilità della Russia a contribuire a calmare la situazione nella Striscia di Gaza, ha riferito il l’ufficio stampa del Cremlino dopo la sua telefonata durata oltre 50 minuti con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu. Lo riporta la Tass.

“La parte russa è pronta a offrire tutta l’assistenza possibile per alleviare le sofferenze dei civili e allentare il conflitto”, ha affermato.

Oltre a ciò, “le parti hanno espresso la reciproca disponibilità a continuare la cooperazione sulle questioni relative all’evacuazione dei cittadini russi e dei loro familiari, nonché sul rilascio degli israeliani tenuti in ostaggio a Gaza”, ha affermato il Cremlino, aggiungendo che i leader hanno anche concordato di continuare i contatti.

La situazione nella zona del conflitto israelo-palestinese è stata uno dei temi centrali durante i colloqui di Putin con il principe ereditario saudita e i presidenti degli Emirati Arabi Uniti, dell’Iran e dell’Egitto all’inizio di questa settimana.

La precedente telefonata di Putin con Netanyahu risale al 16 ottobre, poco dopo lo scoppio dell’escalation in corso. Allora il presidente russo disse al primo ministro israeliano che la Russia era pronta a contribuire a risolvere la situazione.

Il presidente russo Vladimir Putin ha ribadito la posizione di principio della Russia, respingendo e condannando il terrorismo in tutte le sue manifestazioni, ha riferito il servizio stampa del Cremlino dopo una telefonata con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

“La conversazione si è concentrata sulla situazione nella zona del conflitto israelo-palestinese e, in particolare, sulla catastrofica situazione umanitaria nella Striscia di Gaza. Vladimir Putin ha ribadito la posizione di principio di respingere e condannare il terrorismo in tutte le sue manifestazioni. Insieme a Pertanto, è estremamente importante garantire che gli sforzi contro le minacce terroristiche non comportino conseguenze così gravi per la popolazione civile”, ha affermato.

La situazione nella zona del conflitto israelo-palestinese è stata uno dei temi centrali durante i colloqui di Putin con il principe ereditario saudita e i presidenti degli Emirati Arabi Uniti, dell’Iran e dell’Egitto all’inizio di questa settimana.

La precedente telefonata di Putin con Netanyahu risale al 16 ottobre, poco dopo lo scoppio dell’escalation in corso. Allora il presidente russo disse al primo ministro israeliano che la Russia era pronta a contribuire a risolvere la situazione.

Le tensioni sono divampate di nuovo in Medio Oriente il 7 ottobre, dopo che i militanti del gruppo radicale palestinese Hamas, con sede nella Striscia di Gaza, hanno lanciato un’incursione a sorpresa nel territorio israeliano, uccidendo molti residenti del kibbutz israeliano che vivevano vicino al confine di Gaza e rapendo più di 200 israeliani, comprese donne. , bambini e anziani. Hamas ha descritto il suo attacco come una risposta alle azioni aggressive delle autorità israeliane contro la moschea di Al-Aqsa sul Monte del Tempio nella Città Vecchia di Gerusalemme. Israele ha dichiarato il blocco totale della Striscia di Gaza e ha lanciato bombardamenti sull’enclave e su alcune aree del Libano e della Siria, nonché un’operazione di terra contro Hamas nella Striscia di Gaza. Si registrano scontri anche in Cisgiordania.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente in elicottero per il presidente iraniano Raisi, ricerche in corso

Il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi è rimasto coinvolto in un incidente con l'elicottero a bordo del quale stava viaggiando...

DALLA CALABRIA

Vibo Marina, sequestrata un’area non autorizzata di rifiuti

Un'area utilizzata da una ditta formalmente dedita ad una attività di commercio al dettaglio di parti ed accessori di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)