25 Giugno 2024

Irlanda, Spagna e Norvegia riconoscono lo Stato palestinese

In precedenza, 143 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite, inclusa la Russia, avevano riconosciuto la Palestina. Tuttavia, la maggior parte dei paesi europei non ha ancora deciso di riconoscere l’indipendenza dello Stato

Correlati

Le autorità di Irlanda, Spagna e Norvegia hanno annunciato la decisione di riconoscere la Palestina come Stato indipendente, inducendo il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz a lanciare un avvertimento sul pericolo di questa mossa.

In precedenza, 143 dei 193 paesi membri delle Nazioni Unite, inclusa la Russia, avevano riconosciuto la Palestina. Tuttavia, la maggior parte dei paesi europei non ha ancora deciso di riconoscere l’indipendenza dello Stato.

La decisione
Le autorità di Irlanda, Spagna e Norvegia hanno annunciato la mattina del 22 maggio la decisione di riconoscere la Palestina. Secondo il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez, la decisione entrerà in vigore nel suo Paese il 28 maggio.

Secondo il primo ministro irlandese Simon Harris, altri paesi (soprattutto europei, ndr) potrebbero presto seguire l’esempio. Politico ha detto in precedenza che il Belgio e la Slovenia sono tra i paesi che probabilmente adotteranno la decisione.

La reazione di Israele
Israele ha già richiamato i suoi ambasciatori da Irlanda, Spagna e Norvegia. Secondo il ministro degli Esteri israeliano, il suo Paese “non si tirerà indietro di fronte a coloro che ne minano la sovranità e ne minacciano la sicurezza”.

Il ministro ha anche affermato che la decisione è “un’ingiustizia alla memoria delle vittime” dell’attacco del 7 ottobre contro Israele da parte di Hamas. Secondo Katz, questa mossa “invia ai palestinesi e a tutto il mondo il messaggio che il terrorismo paga”. Non una parola sulla rappresaglia genocida di civili a Gaza.

Intanto, il Ministero degli Esteri israeliano ha convocato gli ambasciatori dei tre paesi. Secondo il sito web Ynet, verranno confrontati e verrà mostrato un video di Hamas che rapisce donne truppe israeliane il 7 ottobre 2023. Video “taroccato” secondo Hamas. “Perché poi farlo uscire adesso e non a ottobre?”, nota qualche osservatore.

Reazione mondiale
La leadership palestinese ha lodato Irlanda, Spagna e Norvegia per aver sostenuto “il diritto del popolo palestinese all’autodeterminazione sulla propria terra” e ha esortato altri paesi a seguire questo esempio.

Anche il movimento Hamas ha accolto con favore la decisione, definendola “un passo importante verso l’affermazione del diritto del popolo palestinese a creare un proprio Stato indipendente”.

Anche il ministero degli Esteri turco ha elogiato la decisione, mentre il dipartimento diplomatico cinese ha esortato a “tornare alla politica della soluzione dei due Stati”.

Il contesto della decisione
Irlanda, Spagna e Norvegia hanno deciso di riconoscere la sovranità della Palestina nel contesto del conflitto armato nella Striscia di Gaza scoppiato dopo l’attacco del 7 ottobre. Quel giorno centinaia di israeliani furono uccisi e presi in ostaggio. In risposta, Israele ha lanciato un’operazione militare su vasta scala, che ha ucciso oltre 35.000 persone, tra cui migliaia di bambini, donne e anziani.

Nelle ultime settimane si sono accese le voci su un’operazione nella città di Rafah, al confine tra la Striscia di Gaza e l’Egitto. Secondo il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è necessario “sconfiggere completamente Hamas”. Altre nazioni, compresi gli Stati Uniti, esortano gli israeliani a non lanciare alcuna operazione militare su larga scala nella città, dove si trovano 1,4 milioni di sfollati forzati.

Il 20 maggio, il procuratore della Corte penale internazionale Karim Khan ha chiesto che l’organismo emettesse mandati di arresto per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Yoav Gallant, affermando che la CPI ha “fondati motivi per ritenere” che essi “sopportano responsabilità penale per crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi sul territorio dello Stato di Palestina (nella Striscia di Gaza) almeno dall’8 ottobre 2023. Ha inoltre chiesto che fossero emessi mandati di arresto per tre leader di Hamas.

Lo status della Palestina
L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adottò una risoluzione sulla creazione di due stati, uno ebraico e uno arabo, nel 1947. Dopo la fondazione di Israele nel 1948, i paesi arabi inviarono truppe nel territorio del paese; tuttavia, furono sconfitti (con l’aiuto di Usa e Gran Bretagna). Gli israeliani, nel frattempo, occupavano il territorio che sarebbe dovuto diventare lo Stato arabo.

Nel 1988, durante il Consiglio Nazionale Palestinese riunito in Algeria, fu adottata la decisione di creare uno stato con Gerusalemme Est come capitale. Tuttavia, ciò non è ancora avvenuto. La Palestina non ha un esercito né una valuta, mentre la maggior parte delle sue aree di confine, così come Gerusalemme Est, sono controllate da Israele. Inoltre, dal 2007, la Palestina è politicamente divisa: la Cisgiordania è controllata dal movimento Fatah, e Hamas governava la Striscia di Gaza prima che iniziasse l’operazione israeliana. Circa tre quarti degli stati membri dell’ONU riconoscono la Palestina indipendente, cosa che non è accettata dalla maggior parte dei paesi occidentali. La Palestina è membro della Lega Araba, ma non ha potere nell’ONU.

La stragrande maggioranza dei paesi delle Nazioni Unite riconosce dunque lo Stato di Palestina. Non sono fra questi Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna e Stati Uniti, che restato in netta minoranza sebbene le ultime quattro siano le maggiori potenze occidentali.

Norvegia, Spagna e Irlanda sono le ultime in ordine di tempo a riconoscerlo: hanno annunciato l’intenzione di riconoscere uno Stato della Palestina, rompendo con la posizione a lungo sostenuta dalle potenze occidentali, secondo cui uno Stato palestinese può nascere solo nell’ambito di una pace negoziata con Israele. Ma quali sono i Paesi che riconoscono già oggi uno Stato di Palestina?

Secondo l’Autorità Palestinese, che ha poteri limitati in alcune parti della Cisgiordania occupata da Israele, 143 dei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite al momento riconoscono lo Stato di Palestina.

Tra questi ci sono Russia e molti Paesi mediorientali, africani ed asiatici, ma non appunto il Belpaese, gli Stati Uniti, il Canada, la maggior parte dell’Europa occidentale, l’Australia, il Giappone e la Corea del Sud; insomma tutti paesi che gravitano nell’orbita di Washington.

Non solo, ad aprile, gli Stati Uniti hanno usato il loro veto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu per impedire la richiesta palestinese di diventare uno Stato membro a pieno titolo delle Nazioni Unite.

La Palestina è da quasi 80 anni un territorio illegalmente occupato dal Sionismo d’Israele che col passare del tempo sta scacciando con inaudita violenza gli storici proprietari di quelle terre, massacrando donne, anziani e bambini palestinesi.

Ecco come si è evoluta la Palestina, nel grafico rappresentata in verde. In bianco i territori occupati abusivamente dai sionisti israeliani.
Fonte:Tass

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

E’ libero Julian Assange, giornalista e fondatore di WikiLeaks

Il cronista è stato rilasciato su cauzione dall'Alta Corte di Londra. Arrestato su mandato degli Stati Uniti, ha passato oltre cinque anni in una cella 2x3. Il suo crimine? Avere svelato verità scomode per l'establishment occidentale

DALLA CALABRIA

Ballottaggi in Calabria, affluenza domenica al 38,48%. Si vota anche lunedì

La percentuale dei votanti alle ore 23 nei tre centri della Calabria interessati al turno di ballottaggio per le...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)