22 Luglio 2024

Israele-Hamas, oltre 700 vittime israeliane. Continua l’offensiva letale di Tel Aviv su Gaza

Correlati

Domenica Israele ha dichiarato formalmente lo stato di guerra mentre il bilancio delle vittime dell’attacco di sabato mattina da parte di Hamas ha superato le 700 vittime tra i civili, secondo un bilancio provvisorio. Migliaia sono i feriti di cui centinaia in gravi condizioni. Lo riporta “The Times of Israel”. Il bilancio si prevede che aumenterà ulteriormente, con il destino di oltre un centinaio di persone rapite e portate nella Striscia di Gaza.

L’ufficio stampa governativo, organismo che opera sotto l’egida dell’ufficio del primo ministro israeliano, ha affermato che il numero degli ostaggi a Gaza ammonta a oltre 100. Hamas e la Jihad islamica domenica sera si sono vantati di tenere in ostaggio circa 130 ostaggi israeliani, sostenendo che tra questi figuravano persone di alto livello, anche ufficiali dell’esercito.

Aerei israeliani – fa sapere il quotidiano israeliano – hanno effettuato “intensi” attacchi aerei su obiettivi a Gaza domenica pomeriggio, poco dopo che l’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu aveva annunciato che il gabinetto di sicurezza aveva votato sabato sera per mettere ufficialmente il paese in guerra, il che significa che può svolgere “attività militari significative”.

Domenica sono state condotte battaglie in almeno tre comunità vicino al confine di Gaza invase il giorno prima da uomini armati di Hamas, e il massiccio lancio di razzi ha continuato a perseguitare le comunità israeliane, mentre Israele si preparava a quella che doveva essere una campagna prolungata contro il gruppo terroristico con sede a Gaza.

Sabato mattina, in un assalto di portata scioccante, gli uomini armati di Hamas hanno fatto irruzione in ben 22 località nel sud di Israele, comprese città e comunità più piccole fino a 24 chilometri dal confine di Gaza. In alcuni luoghi, hanno vagato per ore, uccidendo civili e soldati mentre l’esercito israeliano si affrettava a raccogliere una risposta. Allo stesso tempo, migliaia di razzi sono stati lanciati contro le città del sud e del centro.

Caos in Israele e fallimento dell’intelligence

Le scene di caos e sofferenza e il prolungato fallimento nel prendere il controllo della situazione hanno scioccato e indignato la nazione, e hanno suscitato richieste di risposte sui numerosi fallimenti di intelligence, dispiegamento e politica che avevano consentito una tale catastrofe nazionale, con centinaia di terroristi che inondano le comunità civili con convogli armati.

I funzionari hanno stimato domenica che oltre 700 persone siano state uccise nel massiccio assalto lanciato dai terroristi di Hamas nelle comunità israeliane vicino a Gaza e dalle migliaia di razzi lanciati su Israele, rendendolo il giorno più sanguinoso nella storia della nazione, secondo i rapporti.

Un portavoce di ZAKA, un gruppo di volontari che si occupa di resti umani dopo attacchi terroristici e altri disastri, ha detto ai media ebraici che il bilancio delle vittime è aumentato notevolmente, poiché le squadre israeliane sono riuscite a scacciare gli uomini armati di Hamas dalle comunità lungo il confine e a recuperare le vittime.

 

Media arabi: “Decine di morti e feriti in un nuovo raid israeliano nel nord della Striscia di Gaza”

Decine di persone sono state uccise, tutte civili, in un nuovo attacco israeliano quando aerei da guerra hanno lanciato missili contro un mercato e una moschea nei campi profughi di Shati e Jabalya, nel nord della Striscia di Gaza. Lo ha riferito il corrispondente dell’agenzia di stampa palestinese Wafa.

Il cronista ha riferito che gli aerei da guerra hanno lanciato diversi missili contro una moschea nel centro del campo profughi di Shati, a ovest di Gaza City, uccidendo e ferendo un certo numero di persone e causando pesanti distruzioni alle case della zona, così come alle infrastrutture.

Gli aerei da guerra hanno anche lanciato missili contro l’area del mercato nel centro del campo profughi di Jabalya, colpendo un’area conosciuta come Trans nell’affollato mercato, uccidendo e ferendo dozzine e provocando pesanti distruzioni.

Intanto – riporta sempre l’agenzia Wafa -, coloni israeliani hanno attaccato pendolari palestinesi che guidavano su una strada tra Gerico e Ramallah ferendo passeggeri e danneggiando auto, secondo un attivista.

Hasan Mleihat, un attivista per i diritti umani, ha detto che quattro persone sono rimaste ferite quando le loro auto sono finite sotto una raffica di pietre lanciate dai coloni israeliani. Danni sono stati causati anche alle auto.

La nuova escalation al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, gruppi diritti umani: “Gli stati membri devono affrontare cause profonde della difficile situazione palestinese”

I gruppi per i diritti palestinesi, Al-Haq, il Centro Al Mezan per i diritti umani e il Centro palestinese per i diritti umani, hanno chiesto oggi al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite di affrontare le cause profonde della la difficile situazione palestinese e proteggere il popolo palestinese dagli attacchi israeliani. Lo riporta l’agenzia Wafa.

“Mentre gli Stati membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) si riuniscono per discutere gli eventi che si stanno svolgendo su entrambi i lati della Linea Verde in Palestina, iniziata il 7 ottobre 2023, gli Stati membri devono considerare il regime di apartheid coloniale di Israele da 75 anni, 56 anni anni di occupazione illegale e 16 anni di blocco illegale e chiusura della Striscia di Gaza sono le cause profonde della difficile situazione palestinese. Gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno la responsabilità primaria della violenza in Palestina attraverso la loro inerzia e complicità nelle violazioni sistematiche e diffuse di Israele, e devono proteggere il popolo palestinese dagli attacchi di ritorsione israeliani”, ha affermato il gruppo per i diritti umani nella lettera aperta al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

I gruppi per i diritti umani hanno affermato che “Israele ha intrapreso una guerra contro la Striscia di Gaza sin dalla sua occupazione illegale nel 1967, e che per oltre 16 anni ha dichiarato l’intera Striscia di Gaza una ‘entità ostile’, imponendo una chiusura terrestre, aerea e marittima e sottomettendo i palestinesi al suo interno con misure di punizione collettiva, in violazione del diritto internazionale, spiegando che Israele ha condotto almeno sette massicce offensive militari dal 2008, che hanno reso la Striscia di Gaza inabitabile. Tra il 2010 e il 2019, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha registrato 3.624 palestinesi e 203 israeliani uccisi e 103.207 palestinesi e 4.642 israeliani feriti nel decennio”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Presidenziali Usa 2024, Joe Biden si è ritirato dalla corsa per la Casa Bianca

Il suo passo indietro era atteso dai dem e dai media progressisti dopo la disastrosa debacle nel duello televisivo con Trump. Strali del tycoon: E' stato il peggior presidente di sempre. Ora comunque è più facile battere Kamala Harris". E lo speaker della Camera afferma che "il presidente deve dimettersi"

DALLA CALABRIA

Trentottenne trovato in possesso di oltre 8 kg di droga, in cella

Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di oltre 8 chilogrammi di droga pronta per essere smerciata nelle...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)