19 Maggio 2024

MO, Decine di persone uccise nei raid israeliani su Gaza

Correlati

Decine di civili palestinesi, la maggior parte dei quali bambini e donne, sono stati uccisi e altri feriti, in una serie di raid lanciati mercoledì dagli aerei da guerra israeliani in vari siti della Striscia di Gaza. Striscia, per l’82esimo giorno consecutivo dall’inizio delle ostilità. Lo riferisce l’agenzia Wafa.

“Gli aerei d’occupazione hanno lanciato violenti raid contro la regione centrale della Striscia di Gaza, in particolare i campi di Bureij e Al-Maghazi, dove i proiettili hanno raggiunto i centri di accoglienza”, si legge.

Secondo testimoni oculari, molti cittadini uccisi giacciono ancora a terra e le ambulanze e gli equipaggi della protezione civile non possono raggiungerli a causa dell’intensità dei bombardamenti.

Il campo di Al-Nuseirat è stato bombardato da artiglieria di occupazione e aerei da guerra, che hanno preso di mira una casa della famiglia Nassar nel nuovo campo e un’altra casa della famiglia Al-Hazouqi, che hanno ucciso numerosi cittadini e ferito dozzine di persone con ferite varie. Sono stati trasferiti ai Martiri di Al-Aqsa e agli Ospedali di Al-Awda.

Anche le aree a est della città di Rafah, Al-Fokhari e le aree orientali di Khan Yunis nel sud della Striscia di Gaza sono sotto bombardamenti di artiglieria in varie parti.

Gli aerei e l’artiglieria dell’occupazione hanno bombardato Gaza City, in particolare i quartieri di Al-Shuja’iya e Al-Tuffah, e hanno preso di mira anche una casa nella zona di Al-Katiba, e ci sono notizie di martiri e feriti.

Testimoni oculari hanno riferito che più di 60 cittadini erano scomparsi a seguito di un bombardamento israeliano che aveva preso di mira un edificio residenziale di tre piani vicino all’Università Al-Azhar nella città di Gaza.

Nella zona di Al-Saftawi a Gaza City, 6 persone sono state uccise e trasferite all’ospedale Al-Shifa a seguito di operazioni di cecchini effettuate da soldati di occupazione che hanno montato alcuni edifici e hanno preso di mira chiunque si trasferisse lì.

Anche la regione di Jabalia al-Balad e il nord della Striscia di Gaza, soprattutto a Beit Lahia e Beit Hanoun, sono soggette a pesanti bombardamenti da parte dell’artiglieria e degli aerei israeliani. C’è una mancanza di informazioni a causa di interruzioni delle comunicazioni e di Internet in alcune zone.

Anche il campo di Bureij, nel mezzo della Striscia di Gaza, è stato sottoposto a intensi e continui bombardamenti di artiglieria.

Questa è la settima volta che le forze di occupazione tagliano le comunicazioni e Internet dalla Striscia di Gaza dall’inizio dell’aggressione il 7 ottobre, interrompendo le linee internazionali.

E’ stato inoltre annunciato che ha Israele ha interrotto i servizi nel centro e nel sud della Striscia, e li continuerà parzialmente nel nord.

L’interruzione delle comunicazioni e di Internet è accompagnata da un’escalation dei massacri commessi dalle forze di occupazione contro il popolo palestinese nella Striscia di Gaza, oltre all’interruzione degli sforzi volti a salvare e curare i cittadini, così come il numero dei morti dall’inizio della guerra sono saliti a oltre 19.650, a cui si aggiungono circa 52.600 feriti e migliaia di dispersi, secondo un bilancio ancora provvisorio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente in elicottero per il presidente iraniano Raisi, ricerche in corso

Il presidente dell'Iran Ebrahim Raisi è rimasto coinvolto in un incidente con l'elicottero a bordo del quale stava viaggiando...

DALLA CALABRIA

Vibo Marina, sequestrata un’area non autorizzata di rifiuti

Un'area utilizzata da una ditta formalmente dedita ad una attività di commercio al dettaglio di parti ed accessori di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)