1 Ottobre 2022

Bari, Elisoccorso "perde" il Policlinico, atterra in un campo e chiede informazioni

Correlati

elisossorso si perde in volo a Bari
La strada con l’ambulanza di “recupero” dell’elisossorso nel campo (quotidianoitaliano.it Bari)

BARI – La scarsa “segnaletica nei cieli” del Mezzogiorno d’Italia ha fatto perdere la rotta a un elicottero del 118 con a bordo un ustionato grave. Il pilota, sorvolando i cieli pugliesi a un certo punto ha perso la “bussola” e non sapendo più dove andare ha tentato un atterraggio di fortuna in un campo abbandonato da dove ha chiesto informazioni ai passanti di una strada vicina. La storia incredibile, ma vera, è successa a Bari, in Puglia.

L’elisoccorso proveniva da Catanzaro con a bordo un uomo di Tropea che doveva essere trasportato al Centro Grandi Ustionati di Bari. “Scusate, dov’è il Policlinico?”, ha chiesto il pilota alla gente incredula. La scena è avvenuta a Bari, in via Matarrese, riportano dai giornali locali.

L’elicottero, con a bordo un pescatore con ustioni al volto e al torace, che doveva essere sottoposto ad un intervento di chirurgia plastica nel nosocomio ha fatto un atterraggio di fortuna su un terreno incolto perché il pilota non riusciva a individuare la vicina torretta di controllo del Policlinico e la pista per l’elisoccorso.

Elisossorso si perde in volo.
Elisossorso si perde in volo e atterra in un campo incolto (quotidianoitaliano.it Bari)

I passanti invece che dare informazioni che potessero confondere ancora di più il pilota, avrebbero convenuto con lui di chiamare gli operatori del 118 barese che sono arrivati in ambulanza a recuperare il paziente, con gli infermieri costretti a farsi largo tra le sterpaglie per raggiungere l’elicottero. Il pescatore, passato il “panico” dell’atterraggio di fortuna, è ora ricoverato al Policlinico di Bari. Le sue condizioni non sono gravi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

“Mondo di Mezzo”, la Cassazione condanna in via definitiva Buzzi e Carminati

La sentenza ieri sera. I supremi giudici della Seconda sezione penale della Suprema Corte hanno convalidato in via definitiva le condanne a dieci anni per Carminati e a 12 anni e dieci mesi per Buzzi. L'ex ras delle cooperative dopo la pronuncia dei giudici è stato arrestato dai Carabinieri del Ros in Calabria. Deve espiare la pena residua di 7 anni e 3 mesi. Carminati è già in carcere.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER