Milano, sgominata la banda dei furti al cimitero. 3 arresti

Carlomagno Nuova Jeep Compass Aprile 2021

cimiteroMILANO – L’attività intrapresa dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano per contrastare l’odioso fenomeno dei furti nei cimiteri nell’ambito delle province di Milano e Monza ha fatto registrare la positiva conclusione di diverse operazioni di servizio, che hanno portato all’arresto di 3 presunti ladri, al recupero di 70 statue e di oltre 30 quintali di manufatti in bronzo, pronti per essere fusi. Milano, sgominata la banda dei furti al cimitero. 3 arresti

In particolare i militari della Compagnia Carabinieri di Corsico (MI) hanno notato un furgone Renault Master in transito nell’area industriale di Buccinasco (MI) e hanno deciso di procedere ad un controllo. Il conducente, un cittadino romeno, in Italia senza fissa dimora, disoccupato e pregiudicato, non ha ottemperato all’alt e ne è quindi scaturito un breve inseguimento, conclusosi 2 Km dopo, in via Azalee, dove il malfattore è stato raggiunto e, a fronte di una reazione violenta contro gli operanti, prontamente immobilizzato. L’uomo era alla guida di un veicolo risultato rubato a Milano e la ricostruzione dei suoi movimenti ha permesso ai Carabinieri di rintracciare il capannone di una ditta locale, attiva nel commercio di metalli e recupero di rottame, all’interno della quale sono stati rinvenuti diversi bancali, contenenti 60 statue di bronzo e altri manufatti con immagini sacre e funerarie.

Il malfattore romeno – spiegano gli inquirenti – e il titolare della ditta, un italiano originario dell’hinterland milanese, sono stati tratti in arresto. I Carabinieri di Corsico stanno sviluppando accertamenti per determinare l’esatta provenienza della refurtiva.

A Bollate (MI), i militari della locale Tenenza hanno sorpreso e tratto in arresto un secondo italiano, incensurato. Il malfattore è stato sorpreso dal custode del cimitero di via Repubblica mentre tentava di allontanarsi con vasi in ottone e rame e lumi funerari, per alcune decine di chili di peso, appena sottratti dalle tombe. La successiva perquisizione domiciliare ha consentito il recupero di altre due sculture di bronzo e di un quintale di cavi di rame.

Infine, hanno già avuto ampio risalto due interventi: il primo compiuto all’interno del camposanto del quartiere “Baggio”, nel capoluogo lombardo, dove i Carabinieri hanno impedito che venissero trafugate 8 statue di bronzo; il secondo conclusosi con la denuncia a piede libero di un pregiudicato di Cornate d’Adda (MB), sorpreso alla guida dell’auto con manufatti provenienti da due cimiteri della Brianza.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb
Seguici anche su TELEGRAM