1 Marzo 2024

Furti di occhiali a Luxottica per un milione di euro. Sgominata banda

Correlati

La fabbrica Luxottica di Lariano dove sono avvenuti i furti
La fabbrica Luxottica di Lariano dove sono avvenuti i furti

Furti seriali di occhiali per un milione di euro ai danni di Luxottica, che venivano rivenduti a commercianti e ottici compiacenti. I furti erano circa 120 ogni settimana ed erano prevalentemente Ray-Ban e Persol.

I carabinieri della Compagnia di Chivasso hanno sgominato un’associazione criminale e hanno eseguito sei provvedimenti restrittivi (due arresti di cui uno ai domiciliari e 4 obblighi) nei confronti di altrettanti indagati (quattro italiani e due romeni) per i reati di associazione per delinquere, furto aggravato, riciclaggio e ricettazione. Le misure cautelari, emesse dal Tribunale di Ivrea (Torino), sono state eseguite nella provincia di Torino, Milano, Venezia e Novara.

L’attività è iniziata nel maggio 2014 con la presentazione di una denuncia da parte dei responsabili dello stabilimento Luxottica di Lauriano, in provincia di Torino, che segnalavano l’ammanco e la fuoriuscita illegale di occhiali pregiati dalla fabbrica.

L’attenzione investigativa è stata focalizzata su alcuni dipendenti ed ex dipendenti Luxottica e si è riusciti a individuare un collaudato sodalizio ritenuto responsabile dei furti seriali degli occhiali e del loro successivo smercio a negozi di ottica compiacenti, in Italia e all’estero.

Gli indagati avrebbero sottratto gli occhiali dal normale ciclo produttivo, giustificandone poi la mancanza classificandoli come scarti di produzione e successivamente li portavano via.
Queste prime sei misure cautelari sono state emesse nei confronti del gruppo che avrebbe commesso furti di materiale all’interno dello stabilimento Luxottica di Lauriano e all’interno di un magazzino-deposito situato a Peschiera Borromeo (Milano), riconducibile ad una ditta di trasporti operante per conto del colosso di occhiali.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Il ministro russo Lavrov risponde a Macron: “Le truppe occidentali sono già in Ucraina”

Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov, citato dalla Tass, risponde al presidente francese Macron su un eventuale invio...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)