Precipita un velivolo a Cremona, due morti tra cui il re del terriccio

Carlomagno Jeep Renegade Ottobre 2020 PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB
L'aeroporto di Migliaro a Cremona
L’aeroporto di Migliaro a Cremona

Due uomini sono morti nella caduta di un aereo ultraleggero mentre si stavano dirigendo all’aeroporto Migliaro, alle porte di Cremona. Le vittime sono Gian Luigi Petranca, 67 anni, titolare della Vigorplant di Fombio (Lodi), e Valeriano Zoppetti, 63 anni, imprenditore di Castiglione d’Adda.

Non si conoscono le cause dell’incidente, anche se in quel momento la visibilità era limitata dalla foschia. L’ipotesi potrebbe essere anche o un malore o un guasto tecnico. Secondo quanto spiegato dal presidente dell’aeroclub Migliaro, Angelo Castagna, l’ultraleggero è caduto nel territorio di Castelverde. Per i due occupanti non c’è stato nella da fare. Sulla vicenda indagano i Carabinieri.

Petranca, che era alla guida del velivolo, era un pilota esperto anche di elicotteri. I due, secondo quanto scrive Repubblica, erano partiti dall’Avio superficie di Casaliggio di Gragnano (Piacenza), ed erano presumibilmente diretti all’AeroClub del Migliaro, a circa un chilometro e mezzo di distanza in linea d’aria dal punto in cui è precipitato il velivolo.

Gian Luigi Petranca era un imprenditore molto noto in Lombardia. Era a capo di un’azienda, la Vigorplant, leader in Italia per la produzione di terriccio.

PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI E RESTARE INFORMATO SULLE NOTIZIE BASTA LASCIARE UN LIKE SULLA NUOVA PAGINA FB