8 Dicembre 2021

Porto d’armi e corruzione, arrestati un avvocato e un poliziotto

Stessa categoria

Arrestati ad Aversa 5 persone, tra cui un avvocato, un cancelliere e commissario
Foto repertorio

In carcere anche un cancelliere , un pregiudicato e un imprenditore. Da indagini della procura di Napoli Nord è emersa la dazione di denaro per avere porto d’armi. Distrutti fascicoli giudiziari.

AVERSA – I militari della Guardia di Finanza di Aversa hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del Tribunale di Napoli Nord, su richiesta della locale Procura della Repubblica. I provvedimenti cautelari sono stati emessi con riguardo a diverse condotte di corruzione, corruzione giudiziaria e distruzione di atti giudiziari.

Si tratta di un avvocato del foro di Santa Maria Capua Vetere, un sostituto commissario della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di Sessa Aurunca, un ausiliario cancelliere del Tribunale di Sorveglianza di Napoli, un pluripregiudicato già detenuto ed un imprenditore edile di Casal di Principe.

L’indagine ha riguardato inizialmente alcune vicende corruttive legate ad illecite dazioni di denaro corrisposte, attraverso la mediazione di un imprenditore edile di Casal di Principe (CE), ad un sostituto commissario della Polizia di Stato per il rilascio di licenze di porto d’arma a soggetti ritenuti – per frequentazioni o parentele – vicini al “Clan dei Casalesi” (ad uno dei quali, durante le indagini, venivano anche sequestrate cautelarmente numerose armi).

Nella vicenda è risultato coinvolto anche un avvocato del foro di Santa Maria Capua Vetere, che seguiva l’iter amministrativo di tali istanze con la collaborazione del citato sostituto commissario che ne agevolava – da parte sua – la procedura attraverso le sue dirette conoscenze presso il preposto ufficio della Questura di Caserta, nonché redigendo relazioni informative favorevoli agli istanti, in cui si ometteva dolosamente di citare alcuni elementi ostativi al rilascio della licenza di porto d’armi.

Le attività investigative hanno consentito, altresì, di accertare ulteriori responsabilità in capo al predetto avvocato il quale, su richiesta di un pluripregiudicato di Giugliano in Campania (Napoli), elargiva somme di denaro anche ad un ausiliario di cancelleria presso il Tribunale di Sorveglianza di Napoli, affinché quest’ultimo sottraesse un fascicolo processuale riguardante un soggetto condannato in via definitiva, allo scopo di evitargli l’applicazione di misure detentive.

Il fascicolo veniva poi incendiato e solo l’intervento immediato dei Finanzieri evitava la distruzione completa dello stesso (foto allegata). Il solo arresto del funzionario di polizia è stato eseguito unitamente a personale della Squadra Mobile della Questura di Caserta.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER