1 Marzo 2024

Strage in discoteca a Corinaldo, 6 arresti: “Banda dedita a rapine”

Omicidio preterintenzionale è l'accusa che la procura contesta a sei giovani. Furti in molti locali del centro-nord. Spruzzando lo spray generavano confusione e poi rapinavano gli adolescenti.

Correlati

I carabinieri di Ancona hanno arrestato 6 persone per la strage nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, nelle Marche, avvenuta la notte dell’Immacolata dello scorso dicembre dopo che gli avventori si sono drammaticamente accalcati a causa dello spruzzo di uno spray al peperoncino. Nella calca morirono 5 giovani tra i 14 e i 16 anni e una mamma di 39 anni, Eleonora Girolimini, che aveva accompagnato la figlia 11enne a vedere un concerto del rapper Sfera Ebbasta.

Si tratta di giovani di età compresa tra i 19 e 22 anni residenti nel modenese. L’accusa per loro è di omicidio preterintenzionale, lesioni personali nei confronti di altre 197 persone e singoli episodi di rapine e furti con strappo. Quest’ultimo reato contestato, in associazione, poiché i sei farebbero parte di una banda dedita a rapine all’interno di numerose discoteche del centro e Nord Italia. Per questa accusa è stato arrestato con loro un ricettatore. A emettere le ordinanze il giudice del tribunale marchigiano, Carlo Cimini.

L’indagine, condotta dai militari di Ancona sotto la direzione della locale Procura coordinata dalla procuratrice Monica Garulli e dai pm Paolo Gubinelli e Valentina Bavai, ha consentito di raccogliere elementi concreti che hanno fatto luce su ciò che avvenuto quella drammatica notte.

Adottando la tecnica dello spray urticante, la banda di giovani era solita compiere furti di collanine e altri effetti sfruttando la confusione che si generava. Secondo quanto emerge, la banda operava in diversi locali notturni nel centro-nord. Quella notte, in trasferta nelle Marche, hanno però provocato una calca mortale.

Il dramma è avvenuto dopo mezzanotte tra la vigilia e il giorno dell’Immacolata 2018 quando i fan dell’artista Sfera Ebbasta, stipati in uno dei locali lo stavano attendendo per passare qualche ora di svago.

Dopo lo spruzzo della sostanza c’è stato un fuggi fuggi generale, con i ragazzi che si ammassati su uno scivolo all’uscita posteriore della discoteca “Lanterna Azzurra”, e la pressione ha fatto cedere una balaustra laterale e in molti sono scivolati giù rimanendo schiacciati l’un l’altro.

A rimetterci la vita 5 adolescenti di età compresa tra i 14 e i 16 anni, tre ragazze e due ragazzi: Asia Nasoni, Daniele Pongetti, Emma Fabini, di Senigallia, Benedetta Vitali, di Fano, Mattia Orlandi di Frontone. Con loro è morta anche una donna di 39 anni, sposata e madre di quattro figli: Eleonora Girolimini, che aveva accompagnato la figlia, di appena 11 anni ad assistere al concerto del rapper.

Calca in una discoteca nelle Marche, è strage: 6 morti e feriti gravissimi


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Da Israele nuovo massacro a Gaza. Uccisi oltre cento palestinesi in coda per il cibo

Nuova carneficina dell'esercito israeliano nella Striscia di Gaza. Oltre cento palestinesi sono stati uccisi mentre erano in fila per...

DALLA CALABRIA

Traffico di rifiuti speciali tra Italia e Tunisia, numerosi arresti

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Napoli, Salerno, Potenza, Catanzaro, personale della Direzione investigativa antimafia e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)