8 Dicembre 2021

Giulio Tarro: “La scuola può iniziare senza panico. Gli asintomartici non sono untori”

Il virologo: "Tutto questo allarme non ha significato scientifico ma politico. I ragazzi prima dei 12 anni non devono portare la mascherina, come dice l’Oms"

Stessa categoria

Il virologo Giulio Tarro

Basta allarmismi fuori luogo. Il virologo Giulio Tarro non si fa condizionare dal clima che circola. Stop ai tentennamenti, a partire dalla scuola che «può benissimo iniziare». Lo slittamento non ha senso. E puntualizza: «I ragazzi prima dei 12 anni non devono portare la mascherina, come dice l’Oms. Noi siamo legati a entità della salute che sono sovranazionali, non facciamo politica della salute».

Tarro: “Se mancano banchi e docenti è un altro discorso”
«Se tutto fosse già pronto», continua Tarro, come riporta Il denaro «è chiaro che potrebbe cominciare anche il 14. Poi se mancano banchi e docenti è un altro discorso». Il virologo analizza la situazione nel suo complesso. «Sono aumentati per lo più gli asintomatici che, come dice l’Oms, dopo tre giorni, salvo complicazioni, non vanno considerati untori».

“Siamo a buon punto”
«Dobbiamo anche tenere presente», afferma Tarro nel corso di una manifestazione, «che chi si occupa della sanità degli Stati Uniti ha dato un miliardo e mezzo di dollari affinché sia pronto un test diagnostico valido entro l’anno. Questo dei tamponi, come ha detto il suo inventore, non doveva essere usato per la diagnosi». Inoltre, «il 17 giugno scorso il Napoli ha vinto la Coppa Italia. Ci sono stati assembramenti e festeggiamenti. E nelle due settimane successive non c’è stato alcun nuovo caso dopo su tutto quello che era successo».

Tarro, i positivi e il virus “morto”
Già alcuni giorni fa il professore aveva parlato del motivo per cui molti etichettano come “malate” persone totalmente asintomatiche. Che, in realtà, non manifestano una malattia concreta ma solo un esito positivo al test. «Tutto questo allarme è provocatorio, non ha significato scientifico ma politico», aveva detto Tarro. «Se uno fa il tampone, data la sua aleatorietà, e dovesse risultare positivo ma ha già avuto il Covid con annessi anticorpi, viene giudicato falso positivo. Quindi non ha nessuna importanza, perché è rappresentato da un acido nucleico morto».


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER