5 Ottobre 2022

Strage in Ucraina, 15 morti alla vigilia del vertice di Minsk

Correlati

strage in ucrainaAlla vigilia dell’atteso vertice a quattro a Minsk, in Bielorussia, tra Vladimir Putin, Francois Hollande, Angela Merkel e Petro Poroshenko per cercare un accordo di pace, si compie l’ennesima strage in Ucraina.

Dopo il massacro di civili a Mariupol di due settimane fa, alcuni razzi delle milizie filorusse avrebbero colpito, questa mattina, il quartier generale delle forze armate di Kiev e una zona residenziale nella cittadina di Kramatorsk, nella “zona rossa” orientale del paese.

Il bilancio del raid è al momento di 15 morti e oltre sessanta feriti. Ma potrebbe salire.

Poco prima del massacro era giunta la risposta del Cremlino alle affermazioni del presidente Usa Barack Obama, che ieri aveva accusato Putin di aver violato gli accordi di Minsk per il cessate il fuoco.

Strage di civile in Ucraina“Se gli Stati Uniti decideranno di armare l’esercito di Kiev, nel sud-est ucraino ci sarà un’ulteriore escalation del conflitto” ha detto il segretario del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrushev.

Sempre in queste ore, 2mila soldati russi hanno iniziato le esercitazioni militari nel sud-ovest della Russia. La tensione è alle stelle nell’est europeo. Intanto non si ferma l’offensiva dei separatisti orientati alla conquista di Mariupol, città strategica per l’industria metallurgica

Barack Obama e Vladimir PutinSe gli Stati Uniti decideranno di armare l’esercito di Kiev, nel sud-est ucraino ci sarà ”un’ulteriore escalation del conflitto”: il monito di Mosca accompagna le ultime tese trattative notturne a Minsk alla vigilia del summit che è considerato da Whashington “l’ultima chance” diplomatica per riportare la pace nel martoriato Donbass.

In serata il presidente Obama ha telefonato a Putin e lo invita a cogliere l’occasione negoziale di Minsk, ma denuncia anche i nuovi scontri e le vittime delle ultime ore, ammonendo a sua volta che i costi per la Russia “aumenteranno” se non si fermeranno le sue “azioni aggressive” nell’Ucraina dell’est.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER