14 Agosto 2022

Strage al Cairo. Bomba al Night, luogo della "trasgressione". 18 morti

Stessa categoria

Strage al Cairo. Bomba al Night, luogo della "trasgressione". 18 morti
L’esplosione dovuta ad una molotov in un nightclub a sud del Cairo (foto: courtesy youm7.com)

Attacco con bombe molotov in un locale al Cairo, in Egitto. Pesante il bilancio. Al momento, riferiscono i media egiziani, i morti sarebbero 18. Diversi i feriti.

Uomini con volto travisato sarebbero arrivati davanti al locale con una moto intorno alle 6.30 del mattino, e hanno lanciato una o due molotov giù per le scale del night del quartiere di “El Agouza” di Giza, a sud del Cairo. Tutto ha cominciato a prendere fuoco, dai tappetti a terra per le scale fin dentro il club. Secondo l’agenzia Mena i morti sarebbero in gran parte dipendenti del locale.

Ad attaccare il night al Cairo “sarebbero stati due ex impiegati del locale poi licenziati”, riferisce il consigliere Ahmed el Bakli della procura, precisando che il “proprietario del locale ha accusato due suoi ex dipendenti”. Lo rende noto la tv di Stato.

Il proprietario del locale avrebbe riferito di un “litigio sarebbe scoppiato tra alcuni lavoratori del nightclub e gli assalitori che volevano entrare al suo interno. Una volta cacciati, i malviventi (o terroristi) si sono ripresentati e hanno lanciato l’attacco” con molotov davanti alla porta di ingresso, che ha causato un enorme incendio che ha di fatto intrappolato avventori e dipendenti. Pare non ci fossero uscite di sicurezza. L’incendio è poi stato domato dai vigili del fuoco egiziani.

La pista del terrorismo jihadista è tuttavia la più privilegiata dall’intelligence del Cairo. I night club sono infatti i luoghi simbolo della trasgressione, contrari alla religione islamica e diffusissimi in Occidente.

Una delle possibili letture fatte da alcuni media è che attacco (di cui le autorità non escludono la pista del terrorismo) arriva mentre l’Egitto attende i risultati ufficiali delle elezioni politiche. In attesa dell’annuncio, si profila una vittoria schiacciate dei sostenitori del presidente Abdel Fattah Al-Sisi, dopo che due giorni fa si è concluso il ballottaggio della seconda fase delle consultazioni, una lunga maratona elettorale caratterizzata da una bassa affluenza alle urne.

Qualche mese fa un’autobomba era stata piazzata davanti al consolato italiano al Cairo, azione terroristica che ha sventrato una parte dell’edificio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Bus per Medjugorje sbanda ed è strage, morti 12 pellegrini polacchi

Un bus polacco si stava recando per un pellegrinaggio da Varsavia a Medjugorje. Sabato mattina è uscito fuori strada. Le vittime potrebbero essere di più. Feriti gravi. Tra le ipotesi un probabile colpo di sonno dell'autista

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER