7 Dicembre 2021

Egitto, massacro di Daesh in una Moschea di Sufi: oltre 230 morti

Stessa categoria

Egitto, massacro di Daesh in una Moschea di Sufi: oltre 230 morti Ancora una strage in Egitto. Un commando di terroristi, ha compiuto un attentato piazzando una bomba ad alto potenziale in una Moschea, della penisola del Sinai. Il bilancio provvisorio è drammatico: 235 morti e oltre 100 feriti

Dopo l’esplosione, i terroristi come cecchini hanno sparato sui fedeli in fuga dal luogo di culto. Il massacro non è ancora stato rivendicato ma fonti citate da media locali parlano di Daesh come possibile mandante dell’ennesima strage nel paese.

Il violento attacco è avvenuto a Bir al-Abed, una città nel nord del Sinai, a circa 40 chilometri da El Arish, poco dopo le preghiere del venerdì. Il governo egiziano ha dichiarato un periodo di lutto di tre giorni.

Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha condannato l’attacco, che ha descritto come “criminale” e “codardo” in una dichiarazione lettta dalla tv di Stato. L’orrenda strage, ha assicurato al-Sisi “non resterà impunita”

Mappa Egitto attentato MoscheaNessun gruppo ha rivendicato ancora le responsabilità, ma gli affiliati locali allo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (Isil), hanno rivendicato attacchi simili commessi in precedenza.

La Moschea presa di mira, scrivono i media egiziani, è frequentata dai Sufi, fedeli musulmani che predicano il Sufismo, corrente religiosa di ricerca del “misticismo” nell’Islam, ed è pertanto ritenuta “infedele” dal Califfato.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER