7 Ottobre 2022

Allarme bomba a Manchester. Era un residuo di una esercitazione

Correlati

Allarme bomba su Manchester - Bournemouth. Mach rinviato
La polizia setaccia lo stadio Old Trafford di Manchester (Ansa/Epa)

L’oggetto “incredibilmente simile a un ordigno” fatto brillare ieri dopo l’evacuazione dello stadio Old Trafford del Manchester United, era un residuo di un’esercitazione di sicurezza condotta di recente nell’impianto con la simulazione di possibili minacce. Lo ha rivelato la polizia britannica, secondo quanto riportano i media, precisando che era stato dimenticato da un’azienda privata coinvolta in quell’esercitazione. Il reperto e’ stato identificato dopo l’esplosione controllata disposta a scopo precauzionale.

Paura allo stadio di Manchester che è stato fatto evacuare per un allarme bomba. L’ordigno ”incredibilmente simile ad un ordigno esplosivo” è stato fatto brillare dagli artificieri. “Non era funzionante”, ha comunque precisato la polizia locale.

“L’incidente” all’Old Trafford è avvenuto prima della partita tra Manchester United e il Bournemouth, ultima di campionato della Premier League. L’incontro è stato rinviato. L’evacuazione ha riguardato due settori della tribuna intitolata ad Alex Ferguson, precisano alcuni testimoni citati dalla Bbc, riferendo di un pacco sospetto su cui la polizia ha condotto accertamenti fino alla decisione di farlo “brillare”.

Un annuncio dagli altoparlanti ha fatto riferimento a “un’operazione di sicurezza codice rosso”, invitando gli spettatori a lasciare quella tribuna. Secondo Sky News sono poi entrati in azione poliziotti con cani addestrati a fiutare eventuali esplosivi. La partita sarebbe dovuta cominciare alla 15 locali.

Il Manchester United ha diffuso un messaggio via Twitter che conferma: “Il calcio d’inizio è stato rinviato all’Old Trafford dopo che un pacco sospetto era stato trovato nel Quadrante Nord Ovest (dello stadio). La polizia sta ispezionando” la zona.

Lo svuotamento dello stadio è stato condotto con calma, ha riferito un cronista della Bbc presente allo stadio. “Stiamo collaborando con il Manchester United per far sì che tutti siano evacuati in condizioni di sicurezza”, ha fatto sapere in una nota il comando della Great Machester Police, mentre la società ha confermato via Twitter la cancellazione della partita.

Qualche protesta non èmancata dal settore dello stadio occupato dai tifosi del Bournemouth, che non avrebbero voluto lasciare le tribune e hanno continuato per alcuni minuti a intonare cori. Ma secondo i media, le autorità non avevano alternative per ragioni precauzionali, anche se finora l’allarme non ha trovato conferme.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER