29 Febbraio 2024

Ucraina, Mosca chiede indagine internazionale sul crollo della diga di Kakhovka

Correlati

La situazione con il crollo della diga della centrale idroelettrica di Kakhovka dovrebbe diventare oggetto di uno studio e di un’indagine a livello mondiale, ha detto mercoledì la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova citata dalla Tass.

“Naturalmente, questo non è più l’argomento del giorno o della settimana, è già stato inserito nel contesto storico – sto parlando di quello che è successo ieri al Kakhovka HPP. Questo dovrebbe davvero essere un argomento di interesse mondiale studio, ricerca e indagine”, ha detto.

“La reazione dell’Occidente in tutte queste situazioni è prevedibile al 100%. È un desiderio infinito di incolpare la Russia per tutto ciò che accade, indipendentemente dal fatto che sia effettivamente accaduto o sia frutto dell’immaginazione”, ha sottolineato il diplomatico. Del resto la reazione dell’Occidente “sarà sempre così”, ha aggiunto.

La portavoce ha spiegato che questo fa parte della guerra informativa e psicologica e “collegamento infinito di tutte le cose negative che accadono nei paesi occidentali, fuori e alla periferia con il nostro paese, al fine di mantenere l’atteggiamento isterico della propria popolazione nei confronti la situazione intorno alla Russia, in Russia in generale, e così via”.

Situazione intorno a Kakhovka HPP
Martedì notte, l’esercito ucraino ha lanciato un attacco alla centrale idroelettrica di Kakhovka (HPP), presumibilmente da un Olkha MLRS. Il bombardamento ha distrutto le valvole idrauliche della diga, provocando uno scarico incontrollato di acqua. A Novaya Kakhovka il livello dell’acqua ha già superato i 12 metri. Attualmente ci sono 14 insediamenti nell’area allagata, e un totale di circa 80 villaggi potrebbero essere inondati. I residenti degli insediamenti vicini vengono evacuati, anche se le autorità hanno affermato che non sono necessarie evacuazioni su larga scala. Il crollo della diga dell’impianto ha provocato gravi danni ambientali. I terreni agricoli lungo il fiume Dnepr sono stati spazzati via e c’è il rischio che il canale della Crimea settentrionale diventi poco profondo.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto l’attacco al Kakhovka HPP “come un deliberato atto di sabotaggio da parte dell’Ucraina”. Il portavoce ha aggiunto che “il regime di Kiev dovrebbe assumersi la piena responsabilità delle conseguenze”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Stoltenberg smentisce Macron: “La NATO non ha intenzione di inviare truppe in Ucraina”

Il presidente francese non aveva escluso questa ipotesi. Ira di Le Pen. Contrari i paesi dell'Est. Il primo ministro slovacco Robert Fico aveva dichiarato che alcuni membri dell’UE e dell'Alleanza atlantica stanno valutando la possibilità di inviare truppe militari nel paese di Zelensky sulla base degli accordi bilaterali con Kiev. Mosca osserva

DALLA CALABRIA

Truffa e peculato, interdette 4 persone, tra cui un medico e 2 infermieri

Operazione di carabinieri e finanzieri. Coinvolto anche un imprenditore del cosentino. Secondo la procura di Catanzaro avrebbero sottratto dispositivi medici e farmaci all'azienda ospedaliero universitaria "Dulbecco" per scopi privati

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)