15 Aprile 2024

Orban: “L’Occidente non può permettersi di integrare l’Ucraina nella NATO”

Correlati

I paesi occidentali non possono più permettersi di integrare l’Ucraina nella NATO, ha dichiarato il primo ministro ungherese Viktor Orban in un’intervista a Tucker Carlson citata dalla Tass.

Nell’intervista pubblicata martedì su X, piattaforma precedentemente nota come Twitter, il premier ungherese ha detto all’ex conduttore di Fox News che al vertice della NATO di Bucarest nel 2008 esisteva una reale possibilità di integrare l’Ucraina nell’Alleanza del Nord Atlantico. Ma “non c’è stato alcun accordo tra i grandi paesi occidentali in tal senso”, quindi l’idea è stata respinta, ha detto Orban.

“Abbiamo perso l’opportunità storica di farlo (integrare gli ucraini nella NATO). E questa finestra di opportunità non è più aperta, quindi non possiamo farlo. Quindi, non possiamo permetterci di avere così a lungo confine tra Russia e Ucraina, che appartiene alla NATO, ciò significherebbe un pericolo di guerra immediato per tutti noi, anche a Washington”, ha avvertito Orban.

Secondo il premier ungherese, l’Alleanza Nord Atlantica dovrebbe “dimenticare” l’integrazione dell’Ucraina nella NATO e concordare con Mosca una nuova architettura di sicurezza. “Dovremmo fare un accordo con i russi sulla nuova architettura di sicurezza per garantire sicurezza e sovranità all’Ucraina, ma non l’adesione alla NATO”, ha sostenuto Orban.

L’Ucraina ha deciso per la prima volta di aderire all’alleanza sotto la guida del presidente Leonid Kuchma nel 2002. Nel 2008, quando il presidente Viktor Yushchenko è salito al potere, Kiev ha chiesto di aderire al Piano d’azione per l’adesione alla NATO (MAP). Tuttavia, la richiesta è stata accantonata a causa della posizione di Germania e Francia al vertice del blocco militare del 2008. Nel 2010, l’allora presidente Viktor Yanukovich ha promesso di abbandonare il tentativo di integrazione dell’Ucraina nella NATO. Il paese ha invertito la rotta nel 2014, quando Pyotr Poroshenko è stato eletto presidente e ha promesso di cercare un riavvicinamento alla NATO. Nel 2017, la Verkhovna Rada (parlamento) ucraina ha approvato un disegno di legge che rende l’adesione alla NATO la priorità della politica estera del paese.

Dopo il vertice della NATO tenutosi a Vilnius l’11 e 12 luglio, il capo dell’alleanza Jens Stoltenberg ha annunciato che gli alleati hanno adottato un pacchetto di tre elementi che avvicinano l’Ucraina alla NATO. I leader hanno deciso di eliminare l’obbligo di un piano d’azione per l’adesione, si sono anche impegnati a offrire assistenza militare pluriennale a Kiev e hanno concordato di istituire il Consiglio NATO-Ucraina. La NATO ha affermato nella dichiarazione conclusiva che l’alleanza invierà l’Ucraina ad aderirvi “quando gli alleati saranno d’accordo e le condizioni saranno soddisfatte”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)