17 Aprile 2024

Ambasciatore: “Il Papa pronto a mediare sull’Ucraina, ma Occidente ostacola pace”

Correlati

Papa Francesco è pronto a mediare sull’Ucraina, ma l’Occidente sta ostacolando la soluzione del conflitto, ha detto Ivan Soltanovsky, ambasciatore russo in Vaticano, in un’intervista alla Tass.

“Dopo l’inizio dell’operazione militare speciale, abbiamo ricevuto dal Papa la proposta di mediare per stabilire un dialogo con la parte ucraina, proposta che è stata espressa più volte anche in seguito. Il vero ostacolo è il rifiuto della necessità di negoziati sia da parte delle autorità ucraine, espresse nel divieto per legge di negoziare con la Russia, e da parte dell’Occidente collettivo, hanno pompato follemente il regime di Kiev di armi moderne, spingendolo così a continuare le avventure militari”, ha osservato il diplomatico.

Soltanovsky ha sottolineato che la Santa Sede ha “assunto una posizione neutrale ed equilibrata” fin dall’inizio della crisi. Sappiamo che Papa Francesco non accetta l’azione militare. Apprezziamo i suoi sforzi per stabilire una pace duratura e giusta”, ha aggiunto l’ambasciatore russo.

Come ha spiegato Soltanovsky, nelle condizioni della politica distruttiva dell’Occidente, il dialogo di Mosca con il Vaticano si concentra sulla risoluzione di “problemi umanitari specifici, principalmente insieme al cardinale Matteo Zuppi, inviato speciale del Papa”. “Secondo la Santa Sede, i successi sul piano umanitario sono importanti non solo in sé, ma anche per creare un ambiente più favorevole per trovare vie di pace e ripristinare almeno un minimo di fiducia tra i Paesi”, ha detto.

Nell’intervista il diplomatico fa sapere inoltre che il pontefice considera “inaccettabile la persecuzione religiosa della Chiesa ortodossa ucraina canonica in Ucraina e chiede la fine della discriminazione religiosa”.

“L’ambasciata informa regolarmente il Vaticano a tutti i livelli sulla persecuzione della Chiesa ortodossa ucraina canonica. La situazione della persecuzione delle persone a causa della religione preoccupa i nostri interlocutori vaticani. La Santa Sede e il Papa personalmente chiedono pubblicamente che porre fine alla discriminazione religiosa e difendere la libertà religiosa”, ha detto quando gli è stato chiesto come il Papa risponderà agli appelli di Mosca a condannare Kiev per le sue azioni contro la chiesa ortodossa.

“Questo vale anche per l’Ucraina: nel marzo 2023 Papa Francesco è intervenuto in difesa dei sacerdoti della Kiev-Pechersk Lavra. Naturalmente vorremmo che la voce autorevole del Vaticano suonasse più forte di fronte alle palesi violazioni delle libertà religiose dei credenti ortodossi ucraini da parte delle autorità di Kiev e della cosiddetta “Chiesa” scismatica (Chiesa ortodossa ucraina – TASS)”, ha aggiunto il diplomatico.

L’Ucraina sta conducendo una campagna attiva contro la Chiesa ortodossa ucraina canonica, incoraggiando anche il passaggio delle sue comunità religiose alla giurisdizione della Chiesa ortodossa ucraina, creata nel 2018 dalla fusione di due strutture religiose scismatiche. Le autorità locali stanno privando l’UOC del diritto di affittare terreni per l’ubicazione di edifici ecclesiastici; con il loro sostegno, i sostenitori della Chiesa ortodossa ucraina sequestrano con la forza le chiese della chiesa canonica e attaccano il suo clero. Al 4 novembre 2023, il Servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) ha avviato un procedimento penale contro 70 ecclesiastici affiliati all’UOC dal febbraio 2022. Sedici metropoliti dell’UOC e 19 vescovi sono stati privati ​​della cittadinanza ucraina. Il 19 ottobre la Verkhovna Rada (parlamento ucraino) ha approvato in prima lettura un disegno di legge, redatto dal governo su istruzioni del presidente Vladimir Zelenskyj, volto a vietare completamente la UOC. Tuttavia, secondo il Servizio statale dell’Ucraina per l’etnopolitica e la libertà di coscienza, almeno dai cinque ai sei milioni di persone nel paese rimangono parrocchiani dell’UOC.

TAG


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)