27 Settembre 2022

Barack Obama a Milano per parlare di cibo

Correlati

Obama co Renzi a Milano
Obama co Renzi a Milano (Ansa)

Barack Obama è a Milano. L’ex presidente Usa, jeans e giubbotto di pelle, è giunto all’aeroporto militare di Linate accompagnato dal suo staff. Ad accoglierlo, ufficiali dell’aeronautica militare italiana. Il presidente è salito subito su un’auto in attesa, per trasferirsi in città.

Obama resterà a Milano un paio di giorni, durante i quali incontrerà, tra gli altri, il leader del Pd Matteo Renzi e il sindaco Beppe Sala. L’appuntamento più importante è domani, quando sarà l’ospite d’onore alla terza edizione di Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, il vertice internazionale sulla food innovation che si è aperto oggi alla Fiera di Rho-Pero.

L’ex presidente americano si è poi trasferito in città da Linate con un corteo di 14 auto, aperto dai poliziotti in moto e chiuso da un’auto della Polizia locale, mentre un elicottero sorvolava la zona. Tutti gli incroci presidiati dai vigili che hanno fermato il traffico, in molti sono scesi dalle auto o i sono fermati ai semafori per scattare foto. Impossibile però riprendere lui, dietro i vetri oscurati dell’auto del Secret Service. Code si sono fermati al suo passaggio, quando il corteo è entrato in città, soprattutto nel trafficatissimo snodo di piazza Cinque Giornate.

Obama ha poi visitato la Pinacoteca Ambrosiana per meno di un’ora e il Duomo, accompagnato dall’arciprete Gianantonio Borgonovo. Anche la moglie di Obama, Michelle, aveva visitato la Cattedrale due anni fa in occasione della sua visita a Expo.

Il segretario del Pd, Matteo Renzi, è al Park Hyatt di Milano, l’hotel dove alloggia Barack Obama, per un incontro privato con l’ex presidente Usa. Hanno lasciato insieme nella stessa auto l’hotel dopo circa due ore di incontro, per raggiungere Palazzo Clerici, dove è in programma una cena privata con ospiti selezionati. L’uscita dell’ex presidente degli Stati Uniti e del segretario del Pd è stata salutata con molti applausi da parte della piccola folla in attesa.

Un “ampio” giro di orizzonte sull’Europa e sulla situazione internazionale. Sono i temi al centro del colloquio avvenuto a Milano tra Barack Obama e Matteo Renzi. L’incontro, durato circa un’ora e mezza, ha avuto – secondo quanto riferiscono fonti Dem – un tenore informale: i due leader si sono salutati con affetto e si sono tolti la giacca per affrontare la discussione in maniche di camicia. Al termine dell’incontro si sono recati assieme alla cena organizzata dall’Ispi.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Spari in una scuola in Russia, 15 morti tra cui 11 bimbi. 24 feriti. Il Cremlino: “Forse un neonazista”

Si aggrava il bilancio delle vittime della sparatoria nella scuola di Izhevsk, salito a 15 morti, tra cui 11...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER