30 Novembre 2022

Dalla Meloni sì a Commissione di inchiesta sulla gestione del Covid

Anche la Lega e Italia Viva concordi nel fare luce sulle ombre dell'emergenza in cui in pochi si sono arricchiti con respiratori, mascherine e banchi a rotelle, ma pure sui vaccini i cui contratti di acquisto con Big Pharma sono ancora segretati

Correlati

Ansa

“Occorrerà fare chiarezza su quanto avvenuto durante la gestione della crisi pandemica”, con una commissione parlamentare d’inchiesta che faccia luce sulle ombre della gestione covid e sui vaccini, che hanno fatto arricchire faccendieri e tecnici (con respiratori, mascherine, banchi a rotelle eccetera), nonché case farmaceutiche, i cui contratti con l’Ue sono ancora segretati. Il premier Giorgia Meloni ha annunciato la volontà dell’inchiesta sul covid nel suo discorso alle camere sulla fiducia.

“Voglio dire, fin d’ora, che non replicheremo, in nessun caso il modello” attuato dal ministro Speranza, ha detto Meloni aggiungendo che “occorrerà fare chiarezza su quanto avvenuto durante la gestione della crisi pandemica”. Dopo il discorso, poi, fonti interne a Fratelli d’Italia hanno confermato alle agenzie di stampa l’intenzione di dare vita alla commissione di inchiesta, annunciando che il gruppo Fdi presenterà una richiesta in tal senso in Parlamento. La logica della commissione di inchiesta – hanno sottolineato – non è punitiva verso i sanitari che hanno tenuto in piedi il sistema in un momento drammatico, ma mettere in mora chi in quella fase ha pensato ad arricchirsi, ad esempio sulle mascherine. Le stesse fonti hanno confermato che il governo avrà un approccio in discontinuità sulla gestione della pandemia, appellandosi alla scienza “anziché, come successo in passato, a prese di posizioni ideologiche che hanno portato il Paese alle chiusure anche quando il virus non circolava”.

Per la leader di Fratelli d’Italia nel primo discorso ufficiale da premier significano soltanto una cosa: la commissione d’inchiesta sul Covid si farà, come annunciato in campagna elettorale. Che, a più riprese, ha detto di puntare alla presidenza di questo organismo più che al Copasir e o alla Vigilanza Rai. Al netto delle strategia del leader di Italia Viva, resta il fatto che per la nascita dell’organismo parlamentare ad hoc manca solo il passo formale. Anzi, a sentire Italia Viva e la Lega – scrive il Fatto – basterebbe anche meno, ovvero votare le proposte di legge già depositate. “Nella scorsa legislatura, la Lega per prima ha presentato una proposta di legge, a mia prima firma, per istituire una Commissione parlamentare di inchiesta sull’operato del Governo Conte II – ha detto il capogruppo del Carroccio Riccardo Molinari – Ora, l’abbiamo ripresentata. Bene FdI che, a quanto si apprende da indiscrezioni giornalistiche, sarebbe intenzionata a presentare una proposta di legge con le medesime finalità”.

Sulla stessa linea d’onda il partito di Renzi, Italia Viva: “Sulla scia del lavoro svolto durante la scorsa legislatura, abbiamo presentato una proposta di legge per istituire una commissione d’inchiesta sul Covid a firma Faraone-Boschi – ha detto lo stesso Faraone – Il centrodestra voti la nostra proposta, così da accelerare i tempi. Mi appello direttamente al Presidente Giorgia Meloni, che ieri si è espressa chiaramente sul tema, affinché si possa iniziare finalmente a fare luce sull’opaca gestione della pandemia”.

Faraone poi ha parlato di alcune questioni: “Dai respiratori cinesi, alle mascherine farlocche ai militari russi a Bergamo, troppo c’è da chiarire: chi si è arricchito o ha svolto strane manovre durante un momento così drammatico deve essere messo davanti alle proprie responsabilità”. Sul tema la presidente dei senatori di Azione-Italia Viva, Raffaella Paita, ha rincarato la dose: “Sottolineiamo come vada anche fatta finalmente luce sulla missione dei sanitari russi che sono entrati nei nostri ospedali sotto il governo Conte. Sono temi sui quali Italia Viva è stata sempre in prima linea con interrogazioni e atti parlamentari, non faremo mancare il nostro apporto al governo su questo punto”. Magari in cambio di una bella presidenza di Commissione.

Anche la Lega, che durante il governo Draghi, ha sostenuto tutte le restrizioni proposte da Speranza, ritiene che sia arrivato il momento di indagare sulla gestione dell’emergenza sanitaria. Nella scorsa legislatura, – spiega il deputato Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera e primo firmatario della pdl – la Lega per prima ha presentato una proposta di legge, a mia prima firma, per istituire una commissione parlamentare di inchiesta sull’operato del Governo Conte II. Ora, l’abbiamo ripresentata”, dice.

“Bene Fratelli d’Italia che, a quanto si apprende da indiscrezioni giornalistiche, sarebbe intenzionata a presentare una proposta di legge con le medesime finalità”, afferma Molinari.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Falso in bilancio, si dimette l’intero Cda della Juventus

Dopo dodici anni lascia anche il presidente Andrea Agnelli. Gianluca Ferrero sarà il nuovo presidente. Alla base della decisione il coinvolgimento nell'indagine Prisma per falso in bilancio e dalle contestazioni della Consob

DALLA CALABRIA

Investito il dg della Reggina, è ricoverato in gravi condizioni

Il direttore generale della Reggina, Gabriele Martino, è stato investito oggi da un'auto mentre stava attraversando la strada a...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER