13 Luglio 2024

Pugno duro del governo in Catalogna, agenti nei seggi coi fucili

Correlati

Scontri in Catalogna per referendum (Ansa/Ap)

Domenica violenta per il referendum indipendentista della Catalogna. Agenti della Guardia civil spagnola in tenuta antisommossa e armati di fucili lancia granate sono entrati in alcuni seggi affollati di elettori a Girona e Barcellona.

La situazione è incandescente dopo l’inizio delle operazioni di voto di domenica. Il governo spagnolo aveva inviato 10mila poliziotti per impedire che si svolgesse il referendum per l’indipendenza della regione dalla Spagna.

Vi sono scontri tra elettori e polizia. Il bilancio è al momento di circa 40 feriti. La polizia ha selvaggiamente picchiato anche anziani e tirato con la forza persone intente a votare all’interno dei collegi elettorali.

Spagna Catalogna

Gli agenti sono poi entrati in alcuni seggi portando via le urne. Sono migliaia i catalani che però “sfidano” pacificamente la Polizia per esprimere il loro voto.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ucraina, superata la linea rossa tra Nato e Russia. Con Biden fuori controllo

C'è aria di escalation tra l'Occidente e la Russia, un clima da guerra (ad avviso di molti osservatori 'poco...

DALLA CALABRIA

Il Csm nomina Bombardieri procuratore di Torino

Originario di Riace, 61 anni, il magistrato guidava dal 2018 la distrettuale di Reggio Calabria dopo essere stato aggiunto a Catanzaro

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)