29 Maggio 2024

Covid, il direttore dell’Oms: “Le mascherine non servono a bloccare il virus”

Il direttore dell'Organizzazione mondiale della Sanità afferma oggi ciò che in sostanza diceva il dottor Stefano Montanari, denunciato perché ad avviso di alcuni "scienziati" allineati diceva "menzogne" sul Coronavirus. Di fatto l'Oms gli ha dato ragione. "Mascherine inefficaci da sole"

Correlati

Il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus

Lo aveva detto in una intervista a Byoblu il nanopatologo Stefano Montanari che affermava come le mascherine non fermino il virus. Il medico è stato denunciato da una associazione di virologi, ma ieri la stessa Organizzazione mondiale della Sanità ha messo in dubbio l’efficacia stessa delle mascherine contro il Covid, dando di fatto ragione a Montanari che è stato deriso e censurato dai media mainstream, nonché osteggiato dalla comunità scientifica allineata alla teoria della “verità unica”, e in quanto tale inconfutabile.

“Non esiste una risposta in bianco o nero” sull’uso delle mascherine, quindi non esiste una risposta netta, ma di certo “le mascherine da sole non possono fermare la pandemia” di Coronavirus. A chiarirlo è stato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, sottolineando nel corso di una conferenza stampa che “i Paesi devono continuare a trovare, testare, isolare e curare ogni caso e a rintracciare ogni contatto”.

“Incoraggiamo i Paesi che stanno considerando l’uso generalizzato delle mascherine per la popolazione – ha continuato – a studiare la loro efficacia, in modo che tutti possiamo imparare. Cosa più importante, le mascherine dovrebbero essere usate solo nell’ambito di un pacchetto complessivo di interventi”.

“Oggi l’Organizzazione mondiale della sanità diffonderà linee guida e criteri per sostenere i Paesi nel prendere una decisione” sull’utilizzo generalizzato delle mascherine da parte della popolazione, ha annunciato Ghebreyesus. “Se le mascherine vengono indossate – ha spiegato – devono essere usate in modo sicuro e appropriato. L’Oms ha indicazioni su come metterle, toglierle e conservarle. Quello che è chiaro è che ci sono ricerche limitate in quest’area”.

Secondo il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità, “i Paesi potrebbero prendere in considerazione di usare le mascherine in comunità in cui altre misure, come quelle di lavarsi le mani o il distanziamento sociale, sono più difficili per la mancanza di acqua o perché si vive in spazi ristretti”.

Quanto all’utilizzo di mascherine sanitarie tra la popolazione, che in Italia regioni come Lombardia e Toscana hanno reso obbligatorio per uscire di casa, Ghebreyesus ha avvertito: “Alcuni Paesi stanno raccomandando e consigliando l’uso di mascherine sanitarie alla popolazione. Gli operatori sanitari devono avere la priorità”. Esiste infatti “un problema di offerta a livello globale” e l’utilizzo da parte della popolazione delle mascherine sanitarie “potrebbe aggravare la carenza” di questi dispositivi.

“In alcuni posti – ha sottolineato il direttore generale dell’Oms – queste carenze stanno realmente mettendo a rischio gli operatori sanitari. Nelle strutture sanitarie, l’Oms continua a raccomandare l’uso di mascherine sanitarie, respiratori e altro equipaggiamento protettivo personale per gli operatori sanitari”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Dramma in Valtellina, tre finanzieri muoiono durante un’esercitazione

Tutti giovanissimi, i militari stavano scalando una parete rocciosa quando all'improvviso sono precipitati nel vuoto. Altri colleghi della Guardia di finanza hanno assistito impotenti alla tragedia

DALLA CALABRIA

Villa, fermata la madre della 13enne che ha abbandonato il neonato

Decisione dei magistrati reggini dopo che gli investigatori hanno raccolto elementi indiziari di rilievo. Dall'autopsia è emerso che il neonato era nato vivo: "E' stato soffocato appena nato, poi è stato abbandonato tra gli scogli a Villa San Giovanni". La donna è accusata di infanticidio

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)