22 Giugno 2024

Europee, lo sconfitto Scholz non è certo di votare Ursula. Spunta l’ombra di Draghi

Correlati

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, dopo la sconfitta elettorale alle europee, si è rifiutato di dire se sosterrà la candidatura della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen per un altro mandato, il giorno dopo la chiusura delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo e della Commissione.

Il cancelliere dopo la brutts batosta tira dritto e resiste, al contrario di Macron in Francia che, punito dagli elettori, ha sciolto il parlamento e indetto elezioni politiche anticipate.

Scholz ha ribadito la sua precedente posizione secondo cui “la presidenza della Commissione deve basarsi su una maggioranza democratica dei partiti democratici tradizionali al Parlamento europeo”.

Intervenendo in una conferenza stampa a Berlino insieme al presidente cileno Gabriel Boric in visita, Scholz ha detto che valuterà se sostenere von der Leyen e chi sostenere per vari importanti posti di lavoro dell’UE nelle prossime settimane.

“Sono favorevole a superare tutte queste sfide questo mese, cioè a decidere in modo rapido”, ha affermato Scholz. “Non c’è motivo di soffermarsi su questo argomento troppo a lungo.”

Il Partito popolare europeo (PPE) della Von der Leyen ha rivendicato la vittoria alle elezioni di domenica dopo che i risultati hanno mostrato che resterà il blocco più grande al Parlamento europeo.

Von der Leyen, politica tedesca ed ex ministro del partito conservatore cristiano-democratico (CDU), ha invitato i partiti socialdemocratici e liberali dell’UE a sostenere la sua candidatura per la rielezione.

Ma non è ancora chiaro se il deepstate internazionale, che decide nella sostanza (e nell’ombra) i posti di potere nell’Ue, converga per un bis di Ursula o sul fedelissimo Mario Draghi, ex presidente del Consiglio italiano e già presidente della Bce il quale non da oggi ambisce alla massima carica politica a Bruxelles.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Vertice a Pyongayang, patto reciprocità militare tra Putin e Kim in caso di aggressione

"L'accordo globale di partenariato firmato oggi prevede anche la fornitura di assistenza reciproca in caso di aggressione contro una...

DALLA CALABRIA

Naufragio nel mar Ionio, finora 34 vittime accertate. Si cercano ancora dispersi

Sono 34 le vittime accertate recuperate al largo del mar Ionio dalla Guardia Costiera dopo il naufragio di lunedì...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)