19 Gennaio 2022

Mesola (Ferrara). Non accettava divorzio. Uomo uccide la figlia e si suicida

Stessa categoria

La villetta di via Alfonso II d'Este a Mesola dove è stata scoperta la tragedia
La villetta di via Alfonso II d’Este a Mesola dove è stata scoperta la tragedia

Non accettava la separazione con la moglie e che l’unica figlia andasse a vivere con la donna. Sarebbe questo il movente che ha spinto un uomo di 50 anni a uccidere prima la figlia 21enne e poi si è suicidato con una pistola detenuta regolarmente per uso sportivo. Il dramma familiare è avvenuto a Mesola, piccolo centro in provincia di Ferrara.

Da quanto appreso, al momento la moglie sembra sia all’estero, in Marocco. A dare l’allarme alcuni parenti che non avevano notizie da giorni. I Carabinieri e i vigili del Fuoco stamattina intorno alle 10.30 hanno dovuto sfondare la porta in una delle villetta a schiera di via Alfonso II d’Este a Mesola, e hanno fatto la tragica scoperta. I corpi erano in un lago di sangue.

Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Comacchio. La famiglia sarebbe di origine nord africana, ma residente a Mesola da anni, perfettamente integrata e regolare. L’omicidio-suicidio potrebbe risalire a domenica 4. L’uomo era un autista di camion, mentre la figlia una studentessa universitaria.

L’ipotesi al momento più seguita è quella di una tragedia generata da un raptus omicida maturato in contesto di forte depressione per via della separazione dalla donna, e l’idea che la figlia seguisse la madre ha fatto scattare in lui la molla omicida-suicida.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER