23 Febbraio 2024

Rapinatori in trasferta da Catania a Torino. Tre arresti

Correlati

Nicola Culosi e Marcello Reito rapinatori in trasferta da Catania a Torino
Da sinistra Nicola Culosi e Marcello Reito

TORINO – I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino hanno arrestato, in collaborazione con i colleghi di Catania, tre rapinatori ritenuti presunti responsabili di cinque rapine e una tentata a istituti di credito di Torino e provincia. In particolare sono state eseguite tre ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di Nicola Culosi, 50 anni, di Catania, e attualmente detenuto a Caltanissetta, Carmelo Cascino, 47 anni, di Grugliasco, e Marcello Reito, 30 anni, di Catania, detto “il piccolino”.

Ruoli all’interno del gruppo: Culosi e Reito “il piccolino” sono ritenuti i trasfertisti da Catania, in particolare il primo avrebbe rappresentato il “perno” del gruppo operativo, almeno fino al suo arresto, avvenuto il 30 gennaio 2015 durante una rapina a un ufficio postale di Catania. Cascino, per gli inquirenti, ricopriva il ruolo di “basista” su Torino, con il compito di scegliere la banca da assaltare, prelevare e accompagnare i soci da/per l’aeroporto di Caselle e di sistemarli in alloggi sicuri.

Modus operandi del gruppo: uno dei rapinatori, a volto scoperto, entrava per primo in banca con una cartellina in mano, fingendosi un cliente in cerca di un finanziamento o un carabiniere impegnato in un’indagine. Una volta dentro minacciava gli impiegati con un taglierino per aprire la bussola ai complici.

A quel punto entravano i suoi soci, di cui uno sempre al telefono con un complice all’esterno della banca, per eseguire il colpo. Radunavano e sequestravano i clienti e gli impiegati in un unico locale (ufficio o bagno), e mentre uno di loro minacciavano con una pistola i presenti gli altri svuotavano le casse. La banda è stata smascherata grazie alle immagini delle telecamere di video sorveglianza.

Le banche colpite dal gruppo sono:
– 28/02/2014 la Banca Popolare di Novara sede di Torino (bottino circa 7.400 euro);
– 4/8/2014 la Banca Popolare di Novara sede di Carmagnola (bottino 115.000 euro);
– 31/10/2014 la Banca D’Alba sede di Torino (bottino circa 31.000 euro);
– 1/12/2014 la Banca Regionale Europea sede di Collegno (bottino circa 34.000 euro);
– 16/01/2015 la Banca CARIGE sede di Torino (tentata in quanto il responsabile comunicava ai rapinatori che il sistema di videosorveglianza era direttamente collegato con gli uffici della Questura, costringendoli alla fuga);
– 20/01/2015 la Banca Sella sede di Torino (bottino circa 6.500 euro).


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Terrorismo, perquisizioni in Italia nella rete dell’attentatore di Bruxelles

Le abitazioni di diciotto immigrati nordafricani sono state perquisite dal Ros dei carabinieri e da agenti della Digos di...

DALLA CALABRIA

Sequestrati beni per 2,5 milioni a imputati processo antimafia

Beni per un valore di oltre 2,5 milioni di euro sono stati sequestrati dai finanzieri del Comando provinciale di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)