5 Marzo 2024

Arezzo, donna trovata uccisa in un torrente a Sansepolcro

Correlati

Catia dell'Omarino trovata uccisa Sansepolcro SANSEPOLCRO (AREZZO) – E’ stata uccisa con almeno due colpi alla testa (uno alla fronte e uno dietro un orecchio) Catia dell’Omarino, 41 anni, di Sansepolcro (Arezzo), il cui corpo, senza vita, è stato trovato stamani sul greto del torrente Afra, non lontano dalla sua abitazione.

L’assassino l’avrebbe colpita con un martello o una piccola piccozza. Il corpo della donna è poi rotolato lungo la leggera scarpata, dove sono state trovate tracce di sangue, per fermarsi sul greto del torrente. Ancora da stabilire l’orario del decesso.

Catia dell’Omarino, che viveva con la madre a meno di un chilometro da dove è stato trovato il corpo, sarebbe stata vista da alcuni testimoni ieri sera, tra le 22 e le 24, e poco prima era stata incrociata anche da una pattuglia di carabinieri. La sua auto è stata trovata a circa 400 metri dal “ponte del diavolo”, a metà strada dalla sua casa e il luogo dell’omicidio. Spariti, invece, il suo cellulare e l’arma del delitto.

Fonte:Ansa

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nazioni Unite: “Gaza è una polveriera che può innescare una guerra più ampia”

Il capo dei Diritti umani dell'Onu Volker Turk afferma che è essenziale evitare una conflagrazione del conflitto, che potrebbe avere ripercussioni sulla regione del Medio Oriente e oltre

DALLA CALABRIA

‘Ndrangheta, condannato a 20 anni un pentito accusato di aver ucciso il padre

Il gip di Vibo Valentia, Barbara Borelli, ha condannato a 20 anni di reclusione, con l'accusa di omicidio, occultamento...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)