8 Dicembre 2021

Ucciso un 39enne a Vittoria (Ragusa), è caccia al killer

Stessa categoria

Il negozio di autoricambi sulla SP 18 a Santa Croce Camerina dove è stato ucciso Salvatore Nicosia
IL LUOGO DELL’OMICIDIO VISTO DALL’ALTO. Il negozio di autoricambi sulla SP 18 a Santa Croce Camerina dove è stato ucciso Salvatore Nicosia (Street view)

Un negoziante di ricambi per automobili, Salvatore Nicosia, di 39 anni, è stato ucciso stamane a colpi di arma da fuoco nel suo negozio a Vittoria, in provincia di Ragusa.

La polizia del commissariato di Vittoria conduce le indagini. L’uomo sarebbe stato prima colpito con un oggetto contundente al capo e poi al torace e alla spalla con due colpi di arma da fuoco, probabile un fucile da caccia a pallini.

Il negozio dove è avvenuto l’omicidio, si trova sulla strada provinciale Vittoria – Santa Croce Camerina. Salvatore Nicosia non aveva precedenti penali, solo una denuncia per stalking, poi ritirata, da parte della moglie.

Soprannominato “Turi Mazinga” perché praticava anche il culturismo sportivo, la vittima era conosciuto come uno che aveva un carattere scontroso.

A scoprire il corpo esanime del rivenditore è stato un cliente che è entrato nel negozio per l’acquisto di alcuni ricambi e ha trovato l’uomo riverso per terra esanime e in una pozza di sangue.

Ha dato subito l’allarme, chiamando il 113. A coordinare le indagini è il pm Andrea Sodani, della procura di Ragusa, che nei locali del Commissariato sta ascoltando parenti e amici della vittima e la persona che ha scoperto il cadavere.

Si scava nella sfera privata per comprendere gli ultimi giorni di vita di Nicosia. E’ caccia al killer e ai complici che pare siano fuggiti a bordo di un furgone.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Pazienti Covid uccisi da farmaci letali. Alla sbarra ex primario. L’infermiere: “Mi rifiutai di uccidere”

Il medico arrestato a gennaio a Montichiari avrebbe ucciso deliberatamente tre pazienti e - secondo i racconti al processo di un infermiere - gli avrebbe ordinato di procedere con gli altri pazienti ma lui si è rifiutato. In uno scambio di messaggi: "Ma anche a te Mosca ha chiesto di fare Succinicolina e Propofol a chi sta morendo?". "Lo sta chiedendo anche ad altri per liberare posti letto"

Dai pm di Bergamo trapela l’ipotesi di ‘omicidio colposo’ contro Speranza e CTS

Storie di omissioni e trasparenza zero nella Bergamasca ad inizio della cosiddetta pandemia. Il mistero del report sparito e il ruolo dei supertecnici al ministero della Sanità. Pare sia indagato anche l'ex capo di gabinetto del ministro, misteriosamente dimessosi nei giorni scorsi. Dopo due anni di inchiesta sembra che l'epilogo sia vicino. Intanto gli italiani aspettano con fiducia

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER