Foggia, incendio nelle baracche del ghetto dei bulgari. Un morto

Incendio nel ghetto dei bulgari a Foggia
Incendio nel ghetto dei bulgari a Foggia (Ansa/Luisa Amenduni)

Un ragazzo di 20 anni è morto carbonizzato in un violento incendio che si è sviluppato nella notte, forse a causa di una stufetta mal funzionante, all’interno del cosiddetto Ghetto dei Bulgari, l’insediamento di baracche che si trova in località “Pescia”, nel territorio di Foggia, Borgo Mezzanone e Tressanti, a una ventina di chilometri da Foggia. Si teme ci possano essere altre vittime.

Si tratta del secondo incendio in pochi giorni che avviene nei ghetti che nel foggiano ospitano i migranti. Il precedente è avvenuto pochi giorni fa nel “Gran Ghetto” nelle campagne tra San Severo e Rignano: le fiamme in quella occasione hanno distrutto un centinaio di baracche del villaggio che ospita diversi braccianti africani. Un uomo rimase un contuso e un altro intossicato.

Anche in quel caso a causare il rogo è stato il malfunzionamento di una stufa. L’allarme è scattato questa notte intorno alle due e sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con autobotti. I pompieri hanno dovuto lavorare diverse ore per spegnere l’incendio che ha distrutto circa l’80% delle baracche. Sul posto anche i carabinieri del Comando provinciale di Foggia.

Al momento non è possibile capire con certezza quali siano state le cause dell’incendio. Le fiamme si sono propagate con molta facilità a quasi tutte le capanne del ghetto realizzate con cartone, legno e altro materiale di fortuna Stava dormendo ed è rimasto intrappolato nella propria baracca raggiunta dalle fiamme appiccate da una persona in stato di ebbrezza al proprio capanno il giovane ventenne morto carbonizzato nella notte nel ‘campo dei bulgari’, alla periferia di Foggia.