Dubbi sul suicidio di Giacomo Nicolai, chiesta nuova autopsia


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
Dubbi su suicidio di Giacomo Nicolai, chiesta nuova autpsia
Giacomo Nicolai

“Ho già inoltrato alla procura di Roma una richiesta di nuova autopsia”. Lo ha detto ieri all’Ansa l’avvocato Igor Giostra, legale della famiglia di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto in casa a Valencia, Spagna, dove frequentava l’Erasmus.

Il giovane è stato trovato senza vita con tre coltellate al petto, che secondo la polizia spagnola si sarebbe auto inflitto. La salma rientra in queste ore in Italia, a Fiumicino. Ma bisognerà attendere il nulla osta per il passaporto mortuario prima del trasferimento a Fermo. Sulle modalità del decesso del giovane, iscritto a Ingegneria a Torino, la famiglia nutre molti dubbi.

Se giovedì il padre Stefano sembrava aver accettato la tesi del suicidio (“non c’è alcun giallo da alimentare, né questioni da porre o chiarezze da chiedere”), la madre, Erminia Fidanza, avvocato, rileva: “sul corpo ci sono tre ferite da coltello, inferte con una lama di soli 7 cm: il primo colpo te lo puoi procurare, il secondo già mi pare difficile, ma il terzo…”. Ora sarà la magistratura italiana a fare chiarezza.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM