Brescia, accoltellato in discoteca: è morto Yaisy Andreas Bonilla, 21 anni


Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM

Disco Volante discoteca BresciaUn ragazzo di 21 anni di origine colombiana, Yaisy Bonilla, è stato accoltellato a morte a Brescia. Il dramma è successo attorno alle 6 del 2 aprile all’uscita di una discoteca, sotto gli occhi della sua fidanzata.

Il giovane è deceduto domenica pomeriggio nel reparto di terapia intensiva della clinica Poliambulanza dov’era stato trasportato in condizioni disperate. Per questo i medici lo avevano sottoposto ad un delicato intervento chirurgico, ma purtroppo non ce l’ha fatta.

Yaisy Bonilla è stato raggiunto da alcune coltellate all’addome. Sul caso indaga per omicidio la Polizia di Stato che sta dando la caccia all’assassino. Gli agenti della Squadra mobile stanno acquisendo le testimonianze degli amici del giovane e procedendo all’acquisizione delle riprese dei circuiti di video sorveglianza presenti in zona.

Al momento dell’aggressione Bonilla era in compagnia della fidanzata, che è ora sotto choc e sconvolta dal dolore. La giovane è stata ascoltata dalla Polizia che precede adesso per omicidio. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica.

FERMATO DALLA POLIZIA UN ITALIANO DI 23 ANNI: HA CONFESSATO

Sconosciuto al momento, il movente dell’omicidio. Da quanto scrive l’agenzia Ansa la lite sarebbe nata con un connazionale, ma pare che la tensione tra aggressore e vittima sia cominciata all’interno del locale, la discoteca “Disco Volante Culture Club” vicino via Corsica, a Brescia.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM