20 Maggio 2022

Nemtsov, Zaur Dadayev confessa. "Boris ucciso per soldi"

Stessa categoria

Zaur Dadayev
Omicidio Nemtsov, Zaur Dadayev ha confessato

Ucciso per “motivi de denaro”. Sarebbe questo il movente per cui l’oppositore di Putin, Boris Nemtsov, è stato freddato venerdi scorso 27 febbraio a Mosca. L’ex tenente della polizia cecena, Zaur Dadayev, uno dei 5 sospetti per l’omicidio e arrestato insieme a Anzor Gubashev ieri all’alba, ha confessato il suo coinvolgimento nel delitto.

Il giudice ha confermato il suo arresto. Confermato anche il fermo di Gubashev, ritenuto presunto complice dell’uccisione insieme a Dadayev. Non si conoscono ulteriori dettagli sulla confessione. Ci sono altri 3 sospetti che sono stati fermati. Si tratta di Shagit Gubashev, fratello di Anzor e cugino di Dadayev e 2 persone identificate come Ramzat Bakhaev e Tamerlan Eskerkhanov. I tre negano il loro legame con il crimine.

Un omicidio dunque commesso per “motivi di denaro, connesso con la rapina, l’estorsione o il banditismo”: è questa l’accusa annunciata oggi in tribunale in relazione alla convalida degli arresti dei cinque sospetti per la morte dell’oppositore Boris Nemtsov. Il codice penale russo prevede pene fino all’ergastolo. Tuttavia, la pista dei soldi non convince molto. Per alcuni media russi il movente è riconducibile alle posizioni di Nemtsov sull’Islam.

Mentre Zaur Dadayev, ex ufficiale del Ministero degli Affari Interni della Repubblica cecena (era membro del battaglione locale Sever “Nord”), avrebbe confessato le sue responsabilità nel delitto, il presunto complice Gubashev, davanti al tribunale si è dichiarato non colpevole, come i tre nuovi sospetti. In ogni caso i giudici hanno confermato l’arresto.

Sono tutte di origine cecena le persone sospettate di essere coinvolte nell’assassinio dell’oppositore russo. Un quinto sospetto si è fatto saltare in aria ieri a Grozny, secondo quanto riferisce Radio Free Europe citando fonti della polizia cecena. In base a quanto si è appreso, l’uomo si è tolto la vita facendo esplodere una granata quando la polizia ha cercato di fare irruzione nell’appartamento dove si era nascosto.

Il caso sembra essere chiuso. Investigatori e autorità giudiziaria stanno tuttavia cercando riscontri alla deposizione dei cinque per capire ulteriori dettagli sul movente del delitto eccellente che ha fatto pensare subito ad una esecuzione a sfondo politico.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Usb aeroporto di Pisa: “In Ucraina armi anziché aiuti umanitari”

"Armi mascherate da "aiuti umanitari" dirette segretamente in Ucraina dall'Italia". Lo sostiene l'Unione sindacati di base dell'aeroporto di Pisa,...

Clamoroso Bassetti: “Green pass in estate? Io non ci sto. Se resta oltre Marzo tutti in piazza”

L'infettivologo: "Prorogare il pass oltre il 31 marzo la ritengo una stupidaggine, una proposta indifendibile. Oltre quella data, da medico, non lo sostengo. Se resta non ci sarà soltanto chi c'è stato fino ad oggi in piazza, ma ci saranno tutti perché non ci sarà più nessuno che lo difende".

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER