24 Gennaio 2022

Orrore in Baviera, trovati 6 cadaveri di ragazzi in un casolare

Stessa categoria

Il casolare dell'orrore a Arnstein, in Germania
Il casolare dell’orrore a Arnstein, in Germania Bild.de/Völkerling

Orrore in Germania. Sei ragazzi di entà compresa tra i 18 e 19 anni (5 maschi e una femmina) sono stati trovati morti nel giardino di un casolare ad Arnstein, nei pressi di Wuerzburg, in Baviera.

La macabra scoperta è stata fatta attorno alle 11 di domenica da un genitore che, preoccupato, si è recato sul posto rinvenendo i cadaveri, tra cui quelli dei suoi due figli.

Inutili i soccorsi che, giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dei ragazzi. Da un primo sommario esame, sui corpi non vi sarebbero segni di violenza. I giovani si erano ritrovati sabato notte nel casolare per una festa, forse un rave party a base di musica tecno, alcool e droghe. Nella località c’è neve e le temperature molto rigide.

La Polizia tedesca batte tutte le piste senza escludere alcuna ipotesi. Gli esperti della Scientifica hanno ultimato i rilievi, ma sarà l’autopsia a chiarire le cause e l’ora del decesso.

Il precedente – Arnstein, dove è avvenuta la tragedia (o la strage, ancora non si sa), dista circa 150 chilometri da Wallenfels, altra località, sempre in Baviera, balzata agli onori della cronaca mondiale per l’infanticidio plurimo consumato nel novembre 2015 all’interno di una casa. 8 neonati furono uccisi e rinchiusi in un cartone. Per il crimine fu arrestata la madre che confessò.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte   SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

DANNI COLLATERALI

PER SEGNALARE EVENTI AVVERSI DA VACCINO DI UNA CERTA IMPORTANZA SCRIVERE A QUESTO INDIRIZZO EMAIL: dannicollaterali@secondopianonews.com
NESSUNA PERSONA SARA' IDENDIFICABILE IN BASE ALLE NORME SULLA PRIVACY.

Si sottopone alla prima dose e muore poche ore dopo

Un web designer 54enne contrario al siero è stato costretto a inocularsi dopo l'obbligo per gli over cinquanta varato dal governo. I medici parlano di arresto cardiaco, ma la famiglia denuncia: "Ora vogliamo verità e giustizia". Disposta l'autopsia

Covid, il Tar annulla la circolare del ministero sulla “vigilante attesa”

Il tribunale amministrativo del Lazio annulla la circolare di Speranza e accoglie il ricorso firmato dal presidente del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, avvocato Erich Grimaldi, e dall'avvocato Valentina Piraino

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER