Precipita aereo militare in Algeria, 257 morti

Carlomagno campagna Giulietta Aprile 2018

aereo militare precipitato Algeria Un aereo militare con centinaia di persone a bordo è precipitato a Boufarik, una città nella provincia di Blida, a circa 30 chilometri da Algeri, da dov’era decollato. Il bilancio, secondo i media algerini, sarebbe di di 257 morti.

L’aereo militare era diretto a Bechar, a sud-ovest del paese ed è precipitato in aperta campagna dopo qualche minuto dal decollo. Dopo lo schianto l’aereo è esploso provocando un grande palla di fuoco, questo a causa dei serbatoi di carburante ancora pieni per fare una tratta di circa un migliaio di chilometri.

Non sono ancora chiare le cause del disastro. Sul posto ci sono decine di mezzi dei vigili del fuoco e di ambulanze. I soccorritori della protezione civile algerina stanno procedendo al recupero dei corpi delle vittime.

aereo militare precipitato Algeria
L’aereo precipitato (Foto da Algerie24)

L’aereo, un Ilyushin II-76, stava trasportando decine di truppe militari, secondo quanto riferito dalla stato maggiore dell’esercito algerino.

Esperto difesa, a bordo aereo caduto 400 soldati 

 Un “esperto in questioni di aviazione, sicurezza e difesa” intervistato da Al Jazeera ha riferito che a bordo c’erano 400 soldati e circa 250 sono morti. L’esperto ha sostenuto che l’incendio si è sviluppato in due dei motori e gli altri non sono riusciti a tenere in volo l’aereo. L’emittente algerina Annahar, sul proprio account twitter, fornisce un’analoga cifra di vittime (247).

Testimone: “Areo era già in fiamme quando è caduto”

“L’aereo era già in fiamme quando è caduto” ed è precipitato “a velocità sostenuta, quasi in picchiata”: lo ha detto all’Ansa Francesco Simone, un consulente commerciale per le imprese italiane in Algeria, che questa mattina ha visto schiantarsi al suolo l’aereo militare algerino vicino alla cittadina di Boufarik, nel nord del Paese. Simone stava percorrendo l’autostrada che collega Algeri ad Orano quando nel cielo ha visto “una lingua di fuoco”. Era “un aereo molto grande – ha proseguito – che aveva tutta l’ala sinistra avvolta dalle fiamme”. E poi ha raccontato: “Me la sono vista brutta, è caduto a 300-400 metri da dove eravamo”.

L’incidente di Boufarik sarebbe stato il peggiore in Algeria dal 2003, quando un jet Air Algerie si è schiantato poco dopo il decollo da Tamanrasset, uccidendo 102 persone.