Disastro aereo in Russia, il comandante del jet: “E’ stato un fulmine”

Il pilota: "Colpiti da saetta abbiamo perduto il contatto radio e siamo passati al regime di pilotaggio manuale". Morte oltre 40 persone su quasi 80 passeggeri

Carlomagno campagna Fiat Tipo Maggio 2019
Sukhoi Superjet 100 crash lands at Sheremetyevo Airport
Ansa/Epa

Sarebbe stato un fulmine a costringere al tragico atterraggio di emergenza il jet dell’Aeroflot incendiatosi domenica all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca. A sostenerlo il comandante del velivolo, Denis Evdokimov, interpellato dal quotidiano Komsomolskaya Pravda. Le scatole nere, già recuperate, diranno cosa è realmente successo.

“A causa del fulmine – ha detto Evdokimov – abbiamo perduto il contatto radio e siamo passati al regime di pilotaggio manuale”. A seguito dell’atterraggio l’aereo, un Sukhoi Superjet-100, ha preso fuoco e sono morte oltre 40 persone su quasi 80 a bordo.

Ringraziandoti per il seguito, sarebbe cosa gradita un MI PIACE sulla nostra nuova pagina di Facebook

L’aereo era piuttosto nuovo, pare che la costruzione fosse stata ultimata nell’agosto del 2017. Le autorità hanno annunciato un’inchiesta sulla catastrofe e Putin ha portati le sue condoglianze ai familiari delle vittime.