21 Aprile 2024

Strage a Mosca, convalidato l’arresto dei 4 presunti terroristi. Sono tutti stranieri

Correlati

Il tribunale Basmanny di Mosca ha convalidato l’arresto dei quattro presunti terroristi fermati venerdì notte mentre erano in fuga da Mosca verso l’Ucraina. Sono considerati gli autori del sanguinoso attentato al teatro Crocus della capitale russa costato la vita finora a 137 persone.

La corte ha arrestato tutti e quattro gli imputati: Dalerdzhon Mirzoyev, Saidakrami Rachabalizodu, Shamsidin Fariduni e Muhammadsobir Fayzov.

L’arresto dei primi tre è stato convalidato subito dal tribunale moscovita, Fayzov si è presentato dopo e come gli altri avrebbe confessato di essere coautore della strage. L’udienza in tribunale si è svolta a porte chiuse. Secondo le indagini, Fayzov stava filmando l’attacco alla sala da concerto.

Fayzov ha assistito all’udienza in barella e aveva difficoltà a parlare. Considerate queste circostanze, la difesa ha chiesto una misura restrittiva alternativa al carcere ma sarebbe stata respinta dal giudice. Il gruppo – trattenuto in custodia fino al 22 maggio 2024 – ad esito del processo rischia l’ergastolo.

Il commando – preso dopo qualche ora dal massacro – è stato bloccato dopo un lungo inseguimento nella regione di Bryansk, non lontano dal confine con l’Ucraina, su un’arteria in direzione Kiev. Erano su una Renault Olympic bianca, la stessa su cui erano stati immortalati subito dopo la fuga dalla sala concerti che l’avevano incendiato per coprirsi la fuga.

Allo stesso tempo erano state arrestate altre sette persone ritenute coinvolte nella strage. Il servizio segreto russo dell’Fsb ha affermato che i quattro fuggitivi “avevano un varco aperto in Ucraina dove avevano contatti ad attenderli”. “Avevano passaporti tagiki”, sebbene le autorità del Tagikistan hanno smentito il coinvolgimento di suoi cittadini dell’attacco.

Mirzoev ha 32 anni, in Russia era temporaneamente registrato a Novosibirsk, ma il documento è già scaduto. In tribunale si è avvalso dei servizi di un interprete, riferisce RT.

Rachabalizoda, nato nel 1994, ha detto alla corte di non ricordare in quale località russa era registrato. Fariduni è nato nel 1998, è stato registrato in Russia a Krasnogorsk, ha lavorato in una fabbrica di parquet a Podolsk. Ha usato la lingua russa in tribunale.

Faizov è nato in Tagikistan nel 2004. Mentre era in Russia, ha lavorato per qualche tempo come parrucchiere a Ivanovo. Aveva bisogno di un traduttore per comunicare con il giudice.

Secondo Ria Novosti, Mirzoev e Rachabalizoda hanno ammesso la loro colpevolezza in tribunale. Come chiarisce la Tass, Mirzoev e Rachabalizoda hanno dichiarato di essere cittadini del Tagikistan. In precedenza, il ministero degli Interni russo ha osservato che tutti e quattro gli arrestati nel caso dell’attacco terroristico a Crocus sono cittadini stranieri.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Incidente nel Salernitano, conducente Suv positiva a droga e alcool

E' risultata positiva all'alcoltest ed anche alla cocaina, ma quest'ultima positività deve essere confermata da un controesame, la 31enne...

DALLA CALABRIA

Trovato morto uomo scomparso nel Cosentino

E' stato ritrovato cadavere, in una zona impervia del comune di Aiello Calabro, in provincia di Cosenza, l'uomo di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)