23 Luglio 2024

Omicidio Sciannimanico, chiesti 30 anni per Luigi Di Gioia

Correlati

Da sinistra Roberto Perilli, considerato il mandante, e la vittima Giuseppe Sciannimanico
Da sinistra Roberto Perilli, considerato il mandante, e la vittima Giuseppe Sciannimanico

La Procura di Bari ha chiesto la condanna a 30 anni di reclusione per il pregiudicato barese Luigi Di Gioia, 52 anni, imputato per l’omicidio dell’agente immobiliare Giuseppe Sciannimanico, ucciso il 26 ottobre 2015 a Bari.

La richiesta è stata avanzata dal pm Francesco Bretone nel processo che si sta celebrando con il rito abbreviato dinanzi al gup del Tribunale di Bari Francesco Agnino. La difesa dell’imputato ha invece insistito per l’assoluzione. Di Gioia è considerato l’esecutore materiale dell’omicidio.

Per il delitto è attualmente imputato dinanzi alla Corte di Assise di Bari l’ex collega di Sciannimanico, Roberto Perilli che sarebbe stato l’ideatore del piano per uccidere l’agente immobiliare mosso da invidia professionale. La vittima gli avrebbe tolto clienti, e lui avrebbe fatto eliminare “la concorrenza”.

Leggi dinamica e movente dell’ omicidio Sciannimanico

Beppe Sciannimanico fu attirato in una trappola mortale con la scusa di andare a vedere un appartamento. Secondo quanto emerso sarebbe stato Di Gioia a telefonare sotto falso nome all’agenzia Tecnocasa di via Cairoli dove era in forza Sciannimanico. Telefonando da una scheda telefonica intestata a un medico di Molfetta (del tutto estraneo e ignaro), Di Gioia – accerterano gli inquirenti – per prendere l’appuntamento si è presentato come tale signor Lorusso.

Giuseppe Sciannimanico
Giuseppe Sciannimanico

Giunto in via tenente De Liguori, nel quartiere Japigia del capoluogo pugliese, l’agente ha lasciato lo scooter in cerca del sedicente Lorusso ma fu avvicinato da un killer che lo ha freddato.

Il presunto mandante Perilli, sotto processo da dicembre, lo scorso novembre fu oggetto di un sequestro conservativo di beni mobili e immobili per un valore di 500mila euro, che l’agente avrebbe cercato di disfarsi per timore di risarcire le parti civili. Questa suo intento era emerso in una intercettazione in carcere.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Altro massacro a Gaza, Israele bombarda e ammazza altre 70 persone

Nuovo violento bombardamento da parte dell'esercito israeliano nelle zone orientali di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza....

DALLA CALABRIA

Aggrediscono e rapinano un 27enne. Arrestati due venezuelani

I Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di reato emesso dalla...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)