14 Luglio 2024

Putin inizia a lavorare al Forum economico orientale

Correlati

Il presidente russo Vladimir Putin inizia un viaggio di due giorni a Vladivostok, dove prenderà parte all’ottavo Forum economico orientale (EEF). Lo riporta Tass.

Il programma del leader russo sarà molto fitto, ha detto prima il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Il Presidente vedrà oggi la presentazione interattiva dei risultati dello sviluppo dell’Estremo Oriente, con i residenti dei territori ad avanzato sviluppo collegati in videoconferenza. Diciotto territori di questo tipo sono stati istituiti in totale con il regime giuridico speciale per l’attività.

Lunedì il capo dello Stato terrà anche un incontro sullo sviluppo delle città dell’Estremo Oriente di Birobidzhan, Blagoveshchensk, Khabarovsk e Vladivostok.

L’ottavo Forum economico orientale si terrà a Vladivostok dal 10 al 13 settembre 2023. Lo slogan del forum di quest’anno è: Sulla via del partenariato, della pace e della prosperità. La Fondazione Roscongress è l’organizzatore dell’evento.

L’annuale Forum economico orientale della Russia si apre a Vladivostok con le aspettative di accordi da record con base in Asia; la dichiarazione finale del vertice del G20 di Nuova Delhi esorta i paesi a concentrarsi sulla ricerca di soluzioni collaborative e multilaterali ai problemi globali e ad evitare il protezionismo; e l’Armenia inizia esercitazioni militari con le forze statunitensi nonostante il dispiacere di Mosca nei confronti dell’alleato ribelle della CSTO. Queste storie hanno dominato i titoli dei giornali di lunedì in tutta la Russia.

Izvestia: Il Forum economico orientale russo del 2023 ha registrato un record record per gli accordi con sede in Asia
Dal 10 al 13 settembre si terrà sull’isola Russky di Vladivostok l’VIII Forum economico orientale (EEF). Si prevede che parteciperanno all’evento circa 4.000 partecipanti e rappresentanti dei media provenienti da più di 50 paesi, con Cina, India, Emirati Arabi Uniti e Myanmar che presenteranno le delegazioni più numerose. Secondo gli analisti intervistati da Izvestia, l’agenda del forum sarà completa e coprirà sia le questioni economiche interne russe che quelle esterne. Gli esperti ritengono che all’EEF di quest’anno verrà firmato un numero record di accordi con partner dei paesi asiatici.

Ogni anno l’Eastern Economic Forum attira un gran numero di rappresentanti del governo e delle imprese, Vladimir Klimanov, PhD in Economia, professore associato e direttore del Centro per la politica regionale presso l’Accademia presidenziale russa di economia nazionale e pubblica amministrazione (RANEPA) Institute of Applied Economic Research, ha detto il quotidiano. “Quest’anno, a causa della maggiore attenzione all’Est che è emersa nell’economia del paese, l’agenda delle discussioni sarà ampia, sia su questioni interne che esterne”, ha detto.

Secondo Egor Klopenko, capo di Itleaders, il forum è diventato una delle piattaforme economiche più importanti per la Russia, dato il chiaro spostamento dell’attenzione dall’Occidente all’Oriente. “Quest’anno al Forum verrà firmato un numero record di accordi con i paesi asiatici”, ha previsto.
“Il mondo attende un’escalation del conflitto politico tra Stati Uniti e Cina. In questo contesto, l’economia è stata relegata ai margini dell’agenda. Tuttavia, l’incontro si concentrerà sulle sfide più urgenti, come la sviluppo della rotta del Mare del Nord. Considerando il continuo spostamento della Russia verso est, possiamo aspettarci che continui un elevato volume di transazioni congiunte”, ha detto al giornale Agvan Mikaelyan, membro del consiglio di amministrazione della rete di audit e consulenza FinExpertiza.

L’evento apre nuove opportunità per il mercato e gli affari, soprattutto a livello internazionale, ha detto a Izvestia il fondatore del Gruppo Anderida Financial, Alexey Tarapovsky. Secondo lui, nel 2022 sono stati firmati contratti per un valore di 3,2 trilioni di rubli (32,97 miliardi di dollari), una cifra che dovrebbe essere eguagliata al forum di quest’anno.

Kommersant: Il G20 chiede soluzioni multilaterali ai problemi globali
Il principale insegnamento economico del vertice di due giorni del G20, che si è concluso il 10 settembre a Nuova Delhi, è stata la dichiarazione dell’importanza di mantenere un approccio “multilaterale” per risolvere i problemi globali, dalla sicurezza alimentare alla regolamentazione del clima, compreso un appello tenere pienamente conto delle caratteristiche uniche di sviluppo economico di ciascun paese. I leader del G20 hanno anche chiesto una riforma dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC), con la dichiarazione finale del vertice che sottolinea la necessità di mantenere un sistema commerciale aperto e di combattere il protezionismo, nonostante l’attuale tendenza del commercio mondiale verso una segmentazione più pronunciata in blocchi simili. paesi di mentalità, scrive Kommersant.

La dichiarazione finale del G20, sostenuta all’unanimità da tutti i paesi, mette in guardia dai rischi di un rallentamento economico globale e di un’inversione dei progressi verso obiettivi di sviluppo “sostenibili”. Sebbene il G20 non sia un forum per risolvere le differenze geopolitiche, queste ultime possono avere un impatto significativo sull’economia globale e sulle prospettive economiche a lungo termine, si legge nella nota. Allo stesso tempo, il G20 ha sottolineato l’importanza di un sistema commerciale “aperto e trasparente” con l’OMC “al suo centro”, nonché la necessità di resistere al protezionismo e alle politiche anti-mercato.

Seguendo le orme del gruppo BRICS, anche il G20 ha ampliato la propria partecipazione al vertice di quest’anno, con l’Unione Africana (che rappresenta 55 paesi africani) che è diventata il 21° membro dell’organizzazione.

Il direttore esecutivo dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP), Sergey Mikhnevich, ha sottolineato l’importanza di rilanciare il multilateralismo nella cooperazione internazionale, rendendo così il testo della dichiarazione finale adottato all’unanimità un risultato significativo nell’attuale contesto.

L’esperto ha osservato che un’interpretazione più ampia del concetto di garanzia della sicurezza alimentare è rilevante anche per la Russia, con particolare attenzione non solo alla fornitura di cibo e fertilizzanti, ma anche ad altri componenti chiave per garantire la sicurezza alimentare, come la logistica delle consegne e la lavorazione e preparazione dei prodotti alimentari. prodotti agricoli.

Nezavisimaya Gazeta: L’Armenia accoglie le forze statunitensi per le esercitazioni, invece degli alleati CSTO abbandonati
Eagle Partner, l’esercitazione militare di mantenimento della pace armeno-americana, inizierà le sue esercitazioni inaugurali l’11 settembre nelle aree di addestramento di Zar e Armavir fuori Yerevan. Nello stesso periodo erano state pianificate in Armenia anche operazioni di mantenimento della pace dei “caschi blu” sotto l’egida dell’Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (CSTO), ma Erevan si è rifiutata di svolgerle e recentemente ha anche richiamato Viktor Biyagov dal suo incarico di governatore armeno. rappresentante permanente e plenipotenziario presso la CSTO, scrive Nezavisimaya Gazeta. Nel frattempo, le esercitazioni della Fratellanza Indistruttibile 2023 della CSTO si terranno in Kirghizistan in ottobre senza la partecipazione dell’Armenia.

I funzionari di Mosca hanno già espresso il loro disappunto per queste e altre azioni anti-Mosca di Yerevan. Allo stesso tempo, è difficile valutare l’effettivo livello di preparazione dei nuovi partner di Yerevan, gli Stati Uniti e la NATO, insieme ai “caschi blu” dell’Armenia, per svolgere missioni di mantenimento della pace in altre parti del mondo, Nezavisimaya Lo scrive Gazeta, sottolineando che in ogni caso è improbabile che ciò accada nel Caucaso meridionale nel prossimo futuro. Nel frattempo, i media e i funzionari di molti paesi hanno segnalato un aumento delle tensioni nella regione del Nagorno-Karabakh nelle ultime due settimane.

“Nonostante le azioni ostili di Erevan, il ruolo della Russia nel Caucaso meridionale, nella zona del conflitto del Karabakh, rimane costantemente ad un livello elevato e di natura decisiva, grazie alla presenza di un contingente di forze di pace russe lì”, ha detto all’agenzia stampa il tenente generale Yuri Netkachev, esperto militare. giornale.

“Non solo la Russia, ma anche l’Iran, che non vuole ridisegnare i confini nel Caucaso meridionale e vuole risolvere tali problemi attraverso negoziati, può impedire una nuova guerra tra Armenia e Azerbaigian. Per quanto riguarda il futuro coinvolgimento degli Stati Uniti o della NATO nel conflitto del Karabakh , è improbabile. L’Iran e la Russia non lo permetteranno, compreso l’uso di mezzi militari”, ha osservato l’esperto.

Vedomosti: Stati Uniti e India intendono costruire un corridoio verso l’Europa per bilanciare la Belt and Road cinese
A margine del vertice del G20 tenutosi a Nuova Delhi il 9 settembre, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato l’obiettivo della sua amministrazione di creare un corridoio ferroviario e marittimo internazionale che colleghi l’India, il Medio Oriente e l’Europa, denominato “India-Medio Oriente-Europa”. Corridoio (IMEC), scrive Vedomosti. Secondo la Casa Bianca, l’IMEC mira a promuovere lo sviluppo economico espandendo i collegamenti e l’integrazione tra l’Asia, gli stati del Golfo Persico e l’Europa.

La proposta prevede due corridoi alternativi: uno che collega l’India via mare al Golfo Persico negli Emirati Arabi Uniti (EAU), e l’altro che collega il Golfo Persico dagli Emirati Arabi Uniti via terra attraverso l’Arabia Saudita, la Giordania e Israele, e poi via mare verso Grecia.

Al momento questo progetto apparentemente economico sembra essere guidato più da obiettivi politici, anche perché la sua attuazione richiederebbe investimenti significativi nello sviluppo di nuove infrastrutture, secondo il direttore generale di Infoline Analytics Mikhail Burmistrov. “Anche senza considerare i rischi geopolitici, la costruzione dell’infrastruttura richiederebbe anni; il solo lavoro di progettazione richiederebbe almeno due anni”, ha detto Burmistrov al giornale.

Inoltre, il valore per i paesi partecipanti non è chiaro perché attualmente utilizzano il Canale di Suez e in genere è più conveniente per loro operare attraverso i canali marittimi, Gleb Makarevich, ricercatore junior presso il Centro per la regione dell’Oceano Indiano presso l’Accademia russa delle scienze Lo ha affermato l’Istituto Primakov per l’economia mondiale e le relazioni internazionali (IMEMO RAS).

I paesi africani, come lo Zambia e la Repubblica Democratica del Congo (RDC), stanno cercando di perseguire politiche estere multi-orientate, e quindi potrebbero essere interessati a partecipare al progetto guidato dagli Stati Uniti, Andrey Maslov, direttore del Centro per gli studi africani presso la Scuola Superiore di Economia (Università HSE), ha detto Vedomosti. “La posizione degli Stati Uniti nell’Africa orientale è debole, quindi Washington cercherà di contrastare Pechino [e la sua forte influenza nella regione], anche attraverso l’interazione con l’India”, ha aggiunto Maslov. Allo stesso tempo, ha osservato l’esperto, le prospettive per un corridoio africano come parte del progetto IMEC rimangono cupe a causa delle forti disparità nello sviluppo delle infrastrutture della regione.

Vedomosti: il mercato IT russo si espanderà fino a raddoppiare le sue dimensioni attuali entro il 2030
Si prevede che il mercato IT russo, che comprende software, servizi di sviluppo e di supporto tecnico, nonché attrezzature, crescerà da 3 trilioni di rubli (31,01 miliardi di dollari) nel 2023 a 7 trilioni di rubli (72,38 miliardi di dollari) nel 2030. il mercato delle apparecchiature raggiungerà i 4,2 trilioni di rubli (43,43 miliardi di dollari), mentre il segmento dei servizi IT e del software rappresenterà 2,8 trilioni di rubli (28,95 miliardi di dollari). La quota di mercato detenuta dagli sviluppatori nazionali in vari segmenti aumenterà dal 50% nel 2023 al 90% entro il 2030, scrive Vedomosti citando un rapporto di esperti di Strategy Partners.

Secondo il rapporto, negli ultimi quattro anni il mercato IT russo è cresciuto a una velocità più che doppia rispetto a quella dell’industria globale, espandendosi del 12% all’anno contro il 5% in termini di dollari. Il segmento del software e dei servizi IT è cresciuto più velocemente di altri segmenti, con un tasso di crescita medio annuo del 19,4% dal 2019 al 2022. Allo stesso tempo, si prevede che le vendite delle società IT russe continueranno a crescere nel 2022, mentre le vendite di software da parte di fornitori stranieri in Si prevede che la Russia subirà un forte calo.

Lyudmila Bogatyreva, capo del dipartimento soluzioni digitali dell’agenzia Polylog, ha detto a Vedomosti che la crescita più rapida si vedrà tra quelle soluzioni software nazionali russe per le quali gli analoghi importati sono stati vietati. “Ciò include, prima di tutto, gli strumenti di sicurezza informatica: le soluzioni russe di sicurezza informatica stanno battendo tutti i record di vendite nazionali. Non dovremmo inoltre dimenticare l’espansione delle esportazioni verso il Medio Oriente e i paesi BRICS”, ha detto al giornale.

L’improvvisa uscita nel 2022 da parte della maggior parte dei fornitori IT internazionali che avevano dominato il mercato russo ha rivelato il potenziale di crescita a lungo termine per gli sviluppatori di software per infrastrutture russi, nonché la possibilità di “esportare i loro prodotti in paesi amici dove la domanda di soluzioni la sostituzione dei sistemi legacy dei fornitori occidentali sta crescendo”, secondo Roman Tinyaev, direttore di Strategy Partners.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Nuovo orribile massacro israeliano a Gaza, cento morti e centinaia di feriti

Raid delle forze di occupazione in un villaggio che ospita migliaia di sfollati palestinesi. Il bilancio delle vittime dal 7 ottobre è salito a 38.443 vittime accertate, con ulteriori 88.481 feriti. La maggior parte dei morti sono donne e bambini

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)