16 Luglio 2024

Attacco ucraino a Sebastopoli con missili americani, 5 morti e oltre 150 feriti

Correlati

E’ di cinque vittime accertate e decine di feriti il bilancio provvisorio di un attacco missilistico su Sebastopoli, in Crimea. L’attacco è avvenuto sulle spiagge gremite di civili intente a godersi una giornata di mare.

L’attentato è stato attribuito a Kiev ma a Mosca pensano che dietro ci siano gli Stati Uniti e la Nato. Il raid sarebbe stato compiuto con droni e jet che trasportavano missili americani  Atacms dotati di munizioni a grappolo. Alcuni sono stati abbattuti dalla difesa aerea russa, ma almeno uno ha centrato la spiaggia causando morti, tra cui bambini, e oltre centocinquanta feriti di cui alcuni in gravi condizioni. Vi sono diversi minorenni ricoverati in ospedale, secondo le autorità sanitarie russe.

Vladimir Putin è in costante contatto con l’esercito e la leadership del blocco sociale e sanitario alla luce degli eventi di Sebastopoli, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, che ha definito “barbaro” l’attacco di civili a Sebastopoli.

“Il Presidente Putin è in costante contatto con i vertici del blocco sociale e sanitario. La cosa più importante ora è fornire tutta l’assistenza necessaria alle vittime. Il presidente è anche in costante contatto con i militari”, ha detto Peskov all’agenzia Ria Novosti. Putin è fortemente irritato per questo attacco e promette dure reazioni alle provocazioni guidate dalla Nato

Il Ministero della Difesa russo ha sottolineato che tutte le missioni di volo dei missili tattici-operativi americani dell’ATACMS vengono inserite da specialisti americani sulla base dei dati di ricognizione satellitare degli Stati Uniti.

“Pertanto, la responsabilità dell’attacco missilistico deliberato contro i civili a Sebastopoli spetta principalmente a Washington, che ha fornito queste armi all’Ucraina, così come al regime di Kiev, dal cui territorio è stato lanciato questo attacco”, ha affermato il dipartimento. Il Ministero russo ha inoltre osservato che tali azioni non rimarranno senza risposta. Lunedì 24 giugno è stato dichiarato giorno di lutto a Sebastopoli e in Crimea.

L’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov ha commentato l’attacco delle forze armate ucraine a Sebastopoli, che ha ucciso cinque persone, tra cui due bambini, e ferito altre 151 persone.

“L’amministrazione statunitense sostiene in modo dimostrativo i crimini del regime di Kiev. Si è schierato dalla parte del terrorismo internazionale. Condona gli attacchi contro i civili da parte degli aderenti a Bandera”, ha detto l’ambasciatore russo negli Usa intervistato dai giornalisti dopo l’attacco in Crimea.

“Non esiste alcuna giustificazione – aggiunge – per gli atti sanguinosi delle forze armate ucraine. I crimini sono stati commessi intenzionalmente durante la concentrazione del numero massimo di russi sulla riva. I criminali non hanno esitato nemmeno ad uccidere donne e bambini durante una festa cristiana, venerata da tutti”.

“I tentativi di Washington di mettere a tacere il terribile crimine contro i cittadini russi provocano rabbia e indignazione. Gli americani non possono sedersi all’estero e sfuggire alla responsabilità per il sangue e le lacrime di persone innocenti”.

“La fornitura di armi americane ai burattini, dando loro il diritto di attaccare i civili, testimonia solo il desiderio delle autorità locali di continuare la guerra, indipendentemente dalle perdite umane”, sottolinea Antonov. “È ovvio per i politici di Washington che le munizioni a grappolo dei missili ATACMS non possono essere lanciate senza la partecipazione di specialisti americani e il supporto dell’intelligence americana. Non è un caso che i droni nemici sorvolino il Mar Nero quasi ogni giorno.

“Tutto ciò indica la morte della politica estera pseudo-umana dell’America nella sanguinosa palude della crisi ucraina. Diventa quasi impossibile per i russofobi giustificare il loro coinvolgimento diretto nel conflitto nello spazio post-sovietico”.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca, declassificati documenti della Nato negli anni ’90. “Non un pollice verso Est”

Il portavoce del leader russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto di aver letto gli archivi declassificati pubblicati sui...

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)