19 Maggio 2024

Mosca: “Qualsiasi cosa dicono gli Usa per scagionare Kiev è considerata una prova”

Correlati

“Qualsiasi dichiarazione delle autorità americane volta a giustificare e scagionare Kiev fino alla conclusione delle indagini sull’attacco terroristico al Crocus City Hall di Mosca dovrebbe essere considerata come una prova”. Lo ha affermato la portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, citata dai media russi.

“Nel corso dei decenni, le élite politiche degli Stati Uniti hanno imparato come distogliere abilmente l’attenzione dai crimini di alto profilo e da ogni sorta di messa in scena. Pertanto, fino a quando non saranno completate le indagini sull’attacco terroristico al Crocus City Hall, qualsiasi frase di Washington volta a giustificare e scagionare Kiev dovrebbe essere considerata una prova”, ha scritto la diplomatica sul suo canale Telegram.

Zakharova ha osservato che il finanziamento delle “attività terroristiche del gruppo criminale organizzato di Kiev da parte dei democratici liberali americani e la partecipazione ai piani di corruzione della famiglia Biden vanno avanti da molti anni”.

Il diplomatico ha anche aggiunto che gli Stati Uniti si sono affrettati a dichiarare il non coinvolgimento dell’Ucraina nell’attacco terroristico.

“La portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, Adrienne Watson, afferma che ‘l’Ucraina non è coinvolta nell’attacco’ terroristico di Krasnogorsk, la colpa è dello Stato islamico. Vorrei che avessero potuto farlo così rapidamente con l’assassinio del loro presidente John Kennedy. Ma no, per più di 60 anni non sono riusciti a scoprire chi lo ha ucciso. O è stato anche l’Isis?” ha scritto Zakharova. Il diplomatico ha parlato anche delle indagini sulle esplosioni del Nord Stream.

“Secondo gli Stati Uniti (e il New York Times ha citato commenti di funzionari), gli ucraini erano coinvolti nell’attacco terroristico al gasdotto. Ma poi le autorità americane sono scese in terra. E stanno ancora frugando nei fondali in cerca di qualcosa, sia per Kiev che per i sommozzatori dello stato islamico. Da Washington non è arrivata nemmeno una parola per chiedere alla Danimarca e alla Svezia di non smettere di cercare i colpevoli, mentre la proposta della Russia di un’indagine sotto l’egida dell’ONU è stata bloccata dagli anglosassoni nel Consiglio di Sicurezza”, ha detto il diplomatico.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Sangue sulle strade nel Casertano, 4 giovani morti e tre feriti gravi

Quattro morti, tutti ragazzi, in due incidenti stradali nella notte nel Casertano. Il più grave a via delle Dune a...

DALLA CALABRIA

Vibo Marina, sequestrata un’area non autorizzata di rifiuti

Un'area utilizzata da una ditta formalmente dedita ad una attività di commercio al dettaglio di parti ed accessori di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)