7 Ottobre 2022

Rapina alle Poste di Rescaldina (Mi), catturati in tempi record

Correlati

Rapinano le Poste di Rescaldina (Mi), catturati in tempi record
Un frame del video dei carabinieri mostra l’arresto delle tre persone accusate della rapina alle poste

RESCALDINA (MILANO) – Nel primo pomeriggio del 10 maggio, i Carabinieri della Compagnie di Legnano e Desio hanno arrestato 3 pluripregiudicati italiani di 36, 49, e 54 anni, ritenuti presunti autori di una rapina a mano armata consumata, poco minuti prima, all’ufficio postale di via Varesina, a Rescaldina, piccolo centro nel Milanese.

Mentre uno faceva da palo, spiegano gli inquirenti, altri due erano entrati all’interno dell’ufficio, appropriandosi della somma di 36.500 euro. Prima di darsi alla fuga a bordo di una utilitaria, i tre presunti rapinatori avevano rinchiuso i dipendenti nel bagno.

Subito è scattato l’allarme presso la centrale operativa della Compagnia di Legnano che ha immediatamente attivato il piano antirapina.

Sul posto è giunto personale del Nucleo Operativo di Desio, impegnato in quella zona in un altro servizio, che ha intercettato e seguito la macchina dei rapinatori.

I militari, a conoscenza della disponibilità da parte dei tre di un’arma da fuoco, hanno prudentemente atteso che i banditi uscissero dal centro abitato, consentendo agli altri equipaggi che stavano affluendo, di creare una adeguata cornice di sicurezza e bloccare tutte le vie di fuga.

Raggiunta una via defilata nei pressi della strada statale Saronnese, dove i rapinatori avevano predisposto una seconda auto per continuare la fuga, i Carabinieri li hanno bloccati ed arrestati.

L’intera refurtiva sottratta nella rapina è stata restituita all’ufficio postale di Rescaldina. Entrambe le auto utilizzate dai rapinatori, risultate rubate, sono state restituite ai legittimi proprietari. L’arma, rivelatasi una replica priva del tappo rosso, è stata invece sequestrata. I tre rapinatori sono stati condotti presso la casa circondariale di Busto Arsizio (Varese).


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Elezioni in Brasile, è ballottaggio tra Lula e Bolsonaro. Jair: “Contro tutto e tutti, vinceremo”

Il candidato progressista si è fermato al 48,43% nonostante i sondaggisti lo davano vittorioso al primo turno. Il presidente uscente ha ottenuto il 43,2 percento, ma ha sbancato il congresso ottenendo almeno 99 seggi. Doppio turno il 30 ottobre.

Vaccini covid, clamorosa conferma di un team di scienziati: “Nei sieri c’è il grafene”

La dottoressa indiana Poornima Wagh, fa parte di un gruppo di 18 scienziati provenienti da 7 paesi che hanno analizzato 2.305 campioni di "vaccini" Covid di 12 marchi diversi. Trovato di tutto, tranne ciò che è scritto nei bugiardini delle case farmaceutiche: "Altamente inquinati"

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER