Duplice omicidio a Pontelangorino (Ferrara), uccisi marito e moglie

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
La casa a Pontelangorino dove sono stati uccisi i titolari del ristorante
La casa a Pontelangorino dove sono stati uccisi i titolari del ristorante

Una coppia di coniugi è stata trovata senza vita a Pontelangorino, centro di mille abitanti in provincia di Ferrara. Si tratta di Salvatore Vincelli, 59 anni, e Nunzia Di Gianni, 45 anni, titolari di un ristorante. Dai primi rilievi sembra trattarsi di duplice omicidio.

A scoprire i corpi senza vita è stato uno dei figli della coppia, un sedicenne. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Reparto operativo di Ferrara e di Comacchio. Dai primi accertamenti, sui corpi risulterebbero evidenti segni di violenza.

I loro corpi sono stati trovati in due punti diversi: lui in garage e lei in cucina, con sacchetti di plastica avvolti sulla testa. Le vittime sono i titolari del ristorante “La Greppia”, di San Giuseppe di Comacchio. La coppia ha due figli, tra cui appunto il 16enne che ha ritrovato i corpi dei genitori, e un altro più grande vive e studia cinema a Torino.

IL FIGLIO 16ENNE HA CONFESSATO. LEGGI IL PIANO DIABOLICO 

Nella casa di via Fronte Primo Tronco 100/A, sulla provinciale 62 di Pontelangorino, hanno effettuato i rilievi i carabinieri della Scientifica. Le indagini sono coordinate dal pm di turno, Giuseppe Tittaferrante.

Al momento sono aperte tutte le ipotesi, con la certezza che si tratterebbe di un duplice omicidio – e non di un omicidio-suicidio, ipotesi avanzata nei primi momenti e prima del sopralluogo – viste soprattutto le lesioni che i due avrebbero alla testa. E’ stata disposta l’autopsia sui corpi di Salvatore Vincelli e Nunzia Di Gianni. Dagli esiti si saprà con certezza la causa della morte.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM