Turchia, le immagini, oltre Aylan, che commuovono il mondo. FOTO

Carlomagno Panda Ibrid Luglio 2021
Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM
La piccola profuga siriana guarda i poliziotti (Epa)
La piccola profuga siriana guarda i poliziotti (Epa)

Diventano virali le foto di una baby profuga siriana immortalata sull’autostrada Istanbul-Edirne sul confine tra Turchia e Grecia. Lei, che avrà forse un anno di vita, si vede gattonare verso il cordone di polizia schierato in assetto antisommossa. Come in altre mille immagini dei flussi migratori siriani, sono i bambini i veri protagonisti di questa “crociera” i cui genitori non avrebbero voluto fare nemmeno dietro pagamento se in Siria ci fossero le condizioni per vivere.

Qualcuno dei poliziotti non può fare a meno che sorridere alla piccola, che ha lo sguardo tenero e smarrito tra questi “omoni” e la sua gente assiepata dietro di lei che attende che qualcuno li faccia oltrepassare il passare.

I genitori hanno giustamente pensato bene di camminare via terra piuttosto che affidarsi a imbarcazioni colabrodo per raggiungere la terra che fu di Platone e Aristotele.

La loro destinazione è la Germania. E là che la mamma e il papà di questa piccolina coi riccioli rossicci immaginano un futuro diverso e migliore; vogliono che la loro creatura cresca e venga istruita in Europa. Lontani dalla propria terra natìa, dai loro affetti e dalle loro case sotto il fuoco dei nemici di Dio.

Una immagine felice nella tristezza del sacrificio della migrazione, diventata subito virale tra web e social. Al contrario delle foto di Aylan e Garbin Kurdy cui si aggiungono purtroppo le tristi immagini di altre due bambine siriane annegate tra venerdì e sabato.

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici anche su TELEGRAM