7 Dicembre 2022

L’Isis minaccia di far saltare gli stadi ai mondiali di Russia 2018

Correlati

Frame dal video pubblicato sul sito Memri JttmL’Isis torna a minacciare i mondiali di calcio in Russia con un video in cui promette “un massacro come mai prima d’ora”. In un video diffuso dal tabloid inglese Daily Star, l’organizzazione terroristica mostra immagini di repertorio annunciando di voler “vendetta” nei confronti di Vladimir Putin e della Russia.

Il filmato si conclude con una panoramica dello stadio di Sochi “sorvegliato” da un jihadista in tuta mimetica e mitra a tracolla e virtualmente colpito da esplosioni. Non è la prima volta che i terroristi minacciano di portare il terrore ai mondali di calcio.


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER

Potrebbero interessarti

Menzogne e bugie hanno da sempre le gambe corte  

SOSTIENICI

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Ex dipendente Pfizer: “Questi vaccini anti-covid sono armi biologiche”

"Tutti sapevano che il CV-19 Vax era un'arma biologica criminale", afferma Karen Kingston, analista biotecnologica ed ex dipendente del colosso farmaceutico, in una intervista a Greg Hunter. "Questa è una frode. Penso che molte persone sappiano di essere state ingannate"

DALLA CALABRIA

Ponte sullo Stretto, l’Ue all’Italia: “Presenti progetto solido e ben fatto”

"E' importante che il governo italiano non abbia fretta e presenti un progetto" per il Ponte sullo Stretto di...

I misteri del Covid e dei vaccini

Popolari sul Covid

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo gentilmente ai nostri lettori un contributo che può permetterci di sopravvivere e continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta. Grazie!


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Italia Libera Senza Restrizioni", e seguici pure su TELEGRAM e TWITTER