16 Luglio 2024

Nel duello Tv con Trump disastro di Biden, dem Usa nel panico. L’imbarazzo degli alleati

Analista della Cnn: "Il dibattito disastroso di Biden mette in crisi la sua candidatura alla rielezione". Ma se è così da tempo, chi guida la Casa Bianca?

Correlati

“Se Joe Biden perdesse le elezioni di novembre, la storia registrerà che sono bastati solo 10 minuti per distruggere una presidenza.

Era chiaro che un disastro politico stava per svolgersi non appena l’81enne comandante in capo si è trascinato rigidamente sul palco di Atlanta per stare a due metri dall’ex presidente Donald Trump in quello che potrebbe trasformarsi nel dibattito presidenziale più fatidico della storia.

Oggettivamente, Biden ha prodotto la performance più debole da quando John F. Kennedy e Richard Nixon iniziarono la tradizione dei dibattiti televisivi nel 1960 – allora, come giovedì, in uno studio televisivo senza pubblico.

A pochi minuti dall’inizio della resa dei conti, ospitata dalla CNN, era in corso un panico democratico in piena regola all’idea di andare alle elezioni con una cifra così ridotta in cima al biglietto.

Il capo allenatore del dibattito di Biden, Ron Klain, sostiene notoriamente che “anche se puoi perdere un dibattito in qualsiasi momento, puoi vincerlo solo nei primi 30 minuti”. Secondo questo standard, la prestazione del presidente è stata devastante. Il tono della serata è stato dato ben prima della mezz’ora.

È troppo presto per dire come risponderanno gli elettori e se il presidente riuscirà a salvarsi. Ma Biden ha battuto di misura Trump in stati chiave in bilico nel mezzo di una pandemia nel 2020. Il suo indice di gradimento era inferiore al 40% prima del dibattito, quando era al massimo testa a testa con il suo rivale nei sondaggi. Basterebbero poche migliaia di elettori ad abbandonarlo per rimettere Trump alla Casa Bianca.

Non c’è stato alcun segnale pubblico che Biden non sia in grado di assolvere ai doveri della presidenza, che includono decisioni difficili sulla sicurezza nazionale. È appena tornato da due estenuanti viaggi all’estero, per esempio. Ma dalle prove di giovedì, la sua capacità di comunicare con il paese, e persino di vendere la sua visione per un secondo mandato, è gravemente compromessa.

Se il dibattito rappresentava la migliore occasione per il presidente di ribaltare una corsa serrata con Trump, che lo mette in grave pericolo di perdere la rielezione, si è rivelato un fallimento. Biden ha concluso la serata con il Partito Democratico in crisi con serie conversazioni dietro le quinte tra figure di alto livello sulla sostenibilità della sua candidatura, due mesi prima della Convenzione Nazionale Democratica.

Venerdì, durante un comizio post-dibattito in North Carolina, il presidente ha puntato a una ripresa immediata, mostrandosi riposato, provocatorio e animato in quello che è stato un chiaro tentativo di sedare la tempesta di domande sull’opportunità o meno di accantonare la sua corsa alla rielezione.

“So di non essere giovane, per affermare l’ovvio”, ha detto Biden davanti a una folla che cantava “altri quattro anni, altri quattro anni”. Il presidente ha aggiunto: “Non cammino più facilmente come prima. Non parlo più così bene come prima. Non discuto più come prima.” Biden ha continuato alzando la voce: “Ma so quello che so. So come dire la verità. Conosco il bene e lo sbagliato. E so come fare questo lavoro.

“So quello che sanno milioni di americani: quando vieni buttato a terra, ti rialzi.”

Tuttavia, la prestazione notevolmente migliorata di Biden in un discorso elettorale preparato davanti a un pubblico amichevole non ha fatto che mettere ulteriormente in luce i suoi fallimenti giovedì sera, quando ha avuto la sua migliore occasione per contrastare Trump davanti a decine di milioni di telespettatori.

Il compito di Trump giovedì è stato quello di evitare di giocare con le affermazioni di Biden secondo cui è “sconvolto” e quindi inadatto a tornare nello Studio Ovale. Lo ha fatto in gran parte quando si è tolto di mezzo mentre il presidente stava danneggiando la sua stessa campagna. L’insolita moderazione del presunto candidato repubblicano, tuttavia, si è esaurita nel corso del dibattito.

Ma in un momento devastante, dopo l’ennesimo tentennamento di Biden, ha detto: “Non so davvero cosa abbia detto alla fine di quella frase. Non credo che sappia nemmeno cosa ha detto”.

L’ex presidente non ha evitato le sue stesse questioni squalificanti. Era rozzo e controverso. Ha raccontato oltraggiose falsità sulla sua stessa presidenza, sul suo tentativo di rubare le ultime elezioni, e talvolta è caduto lui stesso in parole senza senso, soprattutto quando gli è stato chiesto del cambiamento climatico. Ha mentito sfacciatamente sul suo ruolo nell’attacco della folla da parte dei suoi sostenitori al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.

Il criminale condannato due volte sotto accusa ha ripetutamente rifiutato di dire che avrebbe accettato il risultato delle elezioni del 2024 se avesse perso e ha fatto affermazioni radicali, vaghe e spesso illogiche secondo cui i nemici degli Stati Uniti all’estero si sarebbero piegati alla sua volontà solo a causa della sua personalità. L’ex presidente ha anche faticato a parare le argomentazioni di Biden secondo cui avrebbe tagliato le tasse per i ricchi americani e lasciato i lavoratori in difficoltà, ed era vacillante sulla politica, proprio come lo era alla Casa Bianca.

Quando i due anziani rivali si sono ritrovati coinvolti in un acceso dibattito su chi fosse il miglior golfista, non è stato difficile capire perché gli elettori avessero da tempo dichiarato ai sondaggisti di non voler avere nulla a che fare con la scelta che è stata loro offerta quest’anno.

Perché la prestazione di Biden potrebbe avere così tante conseguenze

Ma Biden ha radicato la sua rielezione nell’idea di essere l’ultima cosa che si frappone tra l’America e una seconda presidenza Trump che distruggerebbe la democrazia e inaugurerebbe un’era senza precedenti di autocrazia americana. Gli elettori che lo prendono in parola non possono fare a meno di allarmarsi per il suo abietto dibattito.

La voce di Biden era debole, ridotta a tratti a un sussurro. All’inizio, le risposte del presidente si sono rivelate incoerenti. Ha mancato le occasioni per colpire Trump sull’aborto – il principale punto di discussione democratico – e si è avventurato nel mettere in luce la sua più grande responsabilità politica, l’immigrazione. “Abbiamo finalmente battuto Medicare”, ha detto Biden a un certo punto, cadendo in un silenzio confuso. Era il tipo di gaffe del dibattito che i democratici speravano di evitare. Quel che è peggio, mentre Trump parlava, Biden spesso guardava con la bocca spalancata, esacerbando l’impressione di un presidente crudelmente sminuito. La sua bravura nel colpire Trump in un dibattito di quattro anni fa era un lontano ricordo.

Vedere un presidente lottare davanti a milioni di persone che guardavano la televisione in tutto il mondo è stato duro da vedere. Come questione di umanità, la personificazione delle devastazioni dell’età che attendono tutti è stata dolorosa. La campagna di Biden ha rivelato durante il dibattito che aveva sofferto di raffreddore. Ma a quel punto, il danno era già stato fatto.

Biden era entrato nel dibattito affrontando una dura prova: dimostrare alla maggioranza degli americani che credono che sia troppo vecchio per servire, che è vitale, energico e pronto ad adempiere ai suoi doveri in un secondo mandato che terminerebbe quando avrà 86 anni. , il presidente ha finito per convalidare quelle paure e potenzialmente convincere molti altri elettori che le sue facoltà erano decadute. La performance incerta ha sollevato interrogativi sulla scelta strategica fatta dalla campagna di Biden nel spingere per un dibattito con Trump. Ha inoltre vanificato completamente i tentativi della Casa Bianca e della campagna di parlare della cordialità di Biden dietro le quinte. I ricordi del discorso sullo stato dell’Unione del presidente a marzo, quando ha messo a tacere molte paure sulla sua età, sono stati ora cancellati”. (Analisi di Stephen Collinson per la CNN)


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Mosca, declassificati documenti della Nato negli anni ’90. “Non un pollice verso Est”

Il portavoce del leader russo Vladimir Putin, Dmitry Peskov, ha detto di aver letto gli archivi declassificati pubblicati sui...

DALLA CALABRIA

Incendi, in fiamme uno stabilimento di gomma. E’ allarme inquinamento nel reggino

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato all'interno di uno stabilimento utilizzato in passato come deposito di rifiuti e...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)