18 Maggio 2024

Putin: “L’attacco a Mosca commesso da islamici radicali. Indaghiamo sui mandanti”

Il presidente russo fa chiarezza sulla matrice del sanguinoso assalto al teatro moscovita: "E' stato un atto intimidatorio verso la Russia. Qualcuno ne trae vantaggio. E' necessario dare risposte a molte domande". Un islamismo però "diverso". Sono mercenari che hanno preso soldi da entità straniere per commettere un eccidio. L'Isis non agiva per "trenta denari", ma per convinzione religiosa contro il cosiddetto occidente civilizzato

Correlati

L’attentato alla sala concerti Crocus di Mosca “è stato compiuto da islamici radicali, ma ora siamo interessati ai mandanti, alla mente, a chi ha giovato il sanguinoso attacco”. Lo ha detto il presidente della Federazione russa Vladimir Putin in una riunione sulle misure adottate dopo l’attacco terroristico al Crocus City Hall.

“Sappiamo che il crimine è stato commesso per mano di islamici radicali, la cui ideologia lo stesso mondo islamico combatte da secoli. A noi interessa chi è il mandante”, ha sottolineato Putin citato dai media russi che seguono il discorso del presidente.

Secondo il leader russo, ora gli Stati Uniti, attraverso vari canali, stanno cercando di convincere tutti che in questo crimine non vi è alcuna traccia ucraina e che dietro c’è l’Isis. Putin ha aggiunto che è necessario dare risposte a molte domande, in particolare se gli islamici hanno davvero deciso di colpire la Russia e chi potrebbe trarre vantaggio da questo “atto di intimidazione”.

L’importante è trovare la mente dietro l’attacco terroristico del 22 marzo, ha detto Putin. “L’orrendo crimine commesso nella capitale della Russia è un atto di intimidazione… e sorge subito la domanda: a chi giova?”, ha detto il presidente russo durante un incontro sulle misure adottate in seguito all’attacco terroristico. “Questa atrocità non può che essere un elemento di tutta una serie di tentativi da parte di coloro che combattono il nostro Paese dal 2014 per mano del regime neonazista di Kiev”.

Coloro che hanno attaccato la sala concerti del Crocus City Hall avevano cercato di fuggire in Ucraina, dove, secondo le indagini, era stato preparato un “varco” per attraversare il confine, aveva detto in precedenza Putin.
“Naturalmente dobbiamo anche rispondere alla domanda sul perché i terroristi hanno cercato di partire per l’Ucraina dopo aver commesso il crimine e chi li aspettava lì”, ha sottolineato Putin.

“Coloro che hanno pianificato questo attacco terroristico speravano di seminare panico e discordia nella nostra società, ma hanno incontrato unità e determinazione nel resistere a questo male”, ha detto Putin esprimendo condoglianze ai parenti delle vittime e sostegno ai feriti, ringraziando tutti coloro che hanno aiutato le vittime. Secondo il capo del Cremlino, “i russi hanno dato un esempio di vera solidarietà, coesione e sostegno reciproco”.

Dunque la conclusione di Putin è che gli autori sono elementi legati all’estremismo islamico. C’è tuttavia un fattore che non quadra: i terroristi islamici non prendono soldi come i mercenari, come è emerso dall’inchiesta su un attentatore che ha ammesso di avere fatto il massacro al Crocus per 5mila dollari (pagati da chi?).

L’Isis nei suoi crimini ha sempre agito per credo religioso contro il cosiddetto occidente civilizzato, mai e poi mai per soldi. Per dire che gli arrestati sospettati di aver commesso l’atroce strage erano sì paramilitari, per il modus operandi mostrato del sanguinoso attentato, ma pare più mossi da “trenta denari” che non dalla convinzione religiosa. Anche i cosiddetti lupi solitari agiscono per fede e non per quattrini. Quindi, cui prodest? Chi ha pagato questi criminali straccioni?


Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)

Potrebbero interessarti

Mons. Viganò, il Pastore di Cristo contro i tiranni

Altre news

Agguato al premier slovacco Fico, ministro: “Presidente ancora molto grave”

Il ministro della Difesa slovacco Robert Kaliňák, che ha preso ad interim le funzioni di premier in Slovacchia, ha...

DALLA CALABRIA

Vibo Marina, sequestrata un’area non autorizzata di rifiuti

Un'area utilizzata da una ditta formalmente dedita ad una attività di commercio al dettaglio di parti ed accessori di...

Ai Lettori

Secondo Piano News non riceve finanziamenti pubblici come i grandi e piccoli media mainstream sovvenzionati a pioggia dallo Stato. Pertanto chiediamo ai nostri lettori un contributo libero che può permetterci di continuare a offrire una informazione vera, libera e corretta


SOSTIENI L'INFORMAZIONE INDIPENDENTE


SEGUICI SUI SOCIAL

Per ricevere gli aggiornamenti lascia un like sulla nuova pagina Fb. Iscriviti anche al Gruppo "Un Unico Copione Un'Unica Regia". Seguici pure su TELEGRAM 1 (La Verità Rende Liberi); e TELEGRAM 2  (Dino Granata), come su Twitter "X" SPN nonché su X (Dino Granata)